Lutto nel mondo della musica: addio a Chad Stuart del duo Chad & Jeremy

0
367

Il cantante inglese Chad Stuart è morto a 79 anni a causa di una polmonite non legata al Covid. Conquistò il successo verso gli anni Settanta con la band folk-pop Chad & Jeremy.

chad stuart
(Facebook)

Chad Stuart, la metà del duo Chad & Jeremy, è morto domenica 20 dicembre. Lo ha reso noto su Facebook la sua famiglia, precisando che è deceduto per una polmonite non legata al Covid. Il cantante inglese si trovava ricoverato in ospedale a causa di una caduta accidentale.

“Siamo profondamente addolorati nell’annunciare la scomparsa di Chad Stuart, un padre, un marito, un fratello, un nonno, un amico, un mentore, un insegnante e un’ispirazione per molti”. Nel post d’addio della pagina ufficiale di Chad & Jeremy vengono ringraziati anche i fan di tutto il mondo per il costante affetto dimostrato negli anni. “Il mondo ha perso una leggenda – si legge nella parte conclusiva del messaggio – ma la sua voce continuerà a toccare le nostre vite attraverso la sua musica”.

Ti potrebbe interessare anche -> Lutto nella musica italiana: morto Pepe Salvaderi, fondatore dei Dik Dik

Il successo di Chad & Jeremy

Nel 1960, nel pieno periodo del fenomeno musicale denominato “British Invasion”, Chad Stuart, pseudonimo di David Stuart Chadwick, fondò insieme all’amico Jeremy Clyde il duo folk-pop Chad & Jeremy. La band si sciolse nel 1968 per poi ricomporsi nel 1983, restando in attività fino al 1987. Nel 2002 i due musicisti ricostituirono nuovamente il gruppo, organizzando una serie di concerti a tema anni Sessanta.

Ti potrebbe interessare anche -> Brunori Sas e la musica al tempo del Covid: “L’aggregazione è l’unica via”

L’apice del successo lo raggiunsero tra gli anni Sessanta e Settanta. Tra i brani più noti e amati vi sono “Yesterday’s Gone” del 1963, “A Summer Song” del 1964 e “Before and After” del 1965, “Distant Shores” del 1966 e “The Ark” del 1968. Nel 1966 parteciparono al Festival di Sanremo in coppia con Sergio Endrigo con la canzone “Adesso sì” e si classificarono al nono posto.