Francesca Maresca: la voce jazz italiana incanta a Santo Stefano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
0
270

Chi è Francesca Maresca: la voce jazz italiana incanta a Santo Stefano, cosa sapere sulla cantante italiana, carriera e curiosità.

(screenshot video)

La cantante italiana Francesca Maresca è una delle protagoniste del concerto di Santo Stefano, in onda stamattina dal Teatro Rossini di Pesaro su Raidue, a partire dalle 10.00. Tra le tante voci più o meno note che si alternano su un palco davvero speciale, la sua conquista tutti.

Leggi anche: Il Volo verso l’addio: Ignazio Boschetto carriera solista? La verità

Il suo timbro vocale particolare è destinato a incantare il pubblico di ogni età: ha un’elevatissima estensione vocale, grazie alla quale passa dal registro pop a quello lirico di mezzosoprano leggero. Dunque, ha un’incredibile capacità di muoversi tra i generi.

Leggi anche: Davide Merlini tra i protagonisti del concerto di Santo Stefano

Carriera e curiosità su Francesca Maresca: ecco cosa sapere

Tra i protagonisti del concerto di Santo Stefano trasmesso dalla Rai, molti nomi noti come Ron, Dodi Battaglia, Raphael Gualazzi, Fioretta Mari, Barbara Cola, Pago. Quindi anche nomi meno conosciuti, ma la cui bravura è fuori discussione. Francesca Maresca è sicuramente una di loro. Si è esibita in concerti di musica sacra, jazz, musica popolare, tango, musica classica e contemporanea, nel corso di una carriera ricca di soddisfazioni.

La sua passione per il canto, come spesso accade, nasce da quando era bambina: ha studiato canto con il Maestro Mino Campanino, dopo tre anni di studi, sceglie di dedicarsi al pop e al jazz. Oltre vent’anni di carriera le hanno permesso inoltre di partecipare a trasmissioni televisive di successo. Abbiamo infatti visto Francesca Maresca esibirsi in diverse trasmissioni sia in Rai che in Mediaset. Tra i suoi spettacoli, ci sono “Cantastelle”, dedicato ai maggiori autori italiani, “Le italiane sono belle”, uno show tutto sulle voci femminili”, e un tributo a due grandi artisti come Renato Zero e Claudio Baglioni.