Sconsolata, che fine ha fatto Anna Maria Barbera di Zelig

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
0
1124

Sconsolata, Anna Maria Berbera dal Zeling al David di Donatello. Sono anni che non si vede: che fine ha fatto?

Sconsolata Anna Maria Barbera
Getty Images

Fin dalle sue prima apparizioni in tv, Sconsolata – il personaggio di Anna Maria Barbera, piacque subito al pubblico. Anche semplice parole, modi di dire già esistenti, pronunciate da lei erano divertenti e a Zelig – dove fece l’esordio – riuscì a raccogliere le simpatie di tutti.

Come molti fece il grande salto, dalla televisione al cinema. Negli anni 2000 Sconsolata era conosciuta e apprezzata. Le sue battute pronunciate con il forte accento siciliano erano entrate nel lessico del pubblico televisivo.

Da Zeling passò a condurre Scherzi a Parte e Striscia la Notizia, poi nel 2003 Leonardo Pieraccioni la volle per un ruolo nel suo film Il paradiso all’improvviso. Fu il suo debutto al cinema e vinse anche il David di Donatello come miglior attrice non protagonista. Per la stessa categoria vinse anche Nastro d’Argento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Capodanno al GF Vip, lo spoiler di Fulvio Abbate: “Non potevo dire no”

Sconsolata, Anna Maria Barbera: cosa fa oggi

Partecipò a Ballando con le Stelle nel 2005 poi nove anni di assenza dalla televisione fino a ricomparire nel 2014 in Palco doppio palco. Dopo ha girato altri film ma si vedeva sempre di meno sia sul piccolo che sul grande schermo. Nel 2019 fu ospite di Mara Venier a Domenica in dove raccontò di aver trascorso un periodo particolare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Netflix, cancellati i film di Johnny Deep: i motivi

Nel salotto domenicale raccontò di aver avuto vari problemi. Non disse chiaramente cosa fosse successo ma fu evidente che per qualche anno non fu molto felice. Fu assente in tv e al cinema perché si dedicò al teatro, attività che svolge ancora oggi. Il teatro è sempre stato il suo primo amore. Nata a Torino da genitori emigrati, nel capoluogo piemontese frequentò e si diplomo presso la Bottega teatrale di Vittorio Gassman.