Vaccino Covid, Raffaella Carrà: “Basta vedere aghi nei tg, fanno paura”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:10
0
148

La conduttrice a ‘La vita in diretta’: “Invece di spaventare le persone, spieghiamo perché è importante vaccinarsi”.

(Photo by Daniele Venturelli/Getty Images)

Raffaella Carrà, il caschetto biondo più famoso d’Italia, è intervenuta telefonicamente a “La vita in diretta” dicendo la sua sul vaccino Covid. Pur ammettendo di essere favorevole al siero contro il virus, la Carrà ci tiene a fare un appunto sulla narrazione televisiva del vaccino.

Leggi anche -> Claudia Alivernini, insultata la prima infermiera vaccinata

“Basta far vedere aghi nei tg”

La conduttrice ha infatti mosso il suo disappunto circa la sovra informazione televisiva alla quale siamo sottoposti ogni giorno, affermando che esiste una narrazione controproducente sul vaccino: “Dobbiamo per forza vedere nei tg tutti questi aghi che entrano nelle braccia delle persone? Quello fa paura e dà angoscia” ha detto la Carrà al telefono.

Secondo la poliedrica conduttrice, le immagini che pervadano le nostre televisioni creerebbero angoscia nelle persone e questo rischierebbe di accentuare la paura nei confronti del vaccino contro il Coronavirus. Per la Carrà, invece, bisognerebbe limitarsi a spiegare semplicemente l’importanza che il vaccino ha e ammette di essere pronta a riceverlo: “Quando toccherà a me lo farò sicuramente perché ho visto troppe persone, anche qualche amico, che ha sofferto tantissimo per combattere il coronavirus. Allora non è meglio farsi il vaccino? Hai la libertà di uscire, di viaggiare, di rivivere praticamente”.

Leggi anche -> Anna Falchi preoccupata: “Temo cosa accadrà dopo le feste”

La Carrà ha poi rivolto un accorato appello al pubblico, suggerendo di mantenere sempre alta l’attenzione nonostante l’arrivo del vaccino: “Nella mia umile esperienza, penso che questa storia durerà almeno un anno e mezzo, due, quindi non perdiamo di vista le tre regole fondamentali: mantenere la distanza, mettere le mascherine e lavarsi le mani”.