Capodanno, stretta sugli spostamenti: controlli dalle strade ai social

0
468

In campo 70 mila agenti delle forze dell’ordine per i controlli di Capodanno. “Saremo inflessibili”, ha annunciato la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese.

controlli capodanno
MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images

L’Italia torna in zona rossa in vista del Capodanno per evitare gli assembramenti sulle strade, come tradizionalmente accade, e i veglioni nelle case con cenone e brindisi di mezzanotte. L’obiettivo del governo è non vanificare i risultati ottenuti finora nel contenimento dei contagi grazie alle restrizioni attuate negli ultimi mesi.

Per monitorare gli spostamenti degli italiani e scongiurare le feste private di gruppo, le forze dell’ordine concentreranno i loro controlli non solo sulle strade, ma anche sul web e sui gruppi di Telegram o WhatsApp, da cui potrebbero essere organizzati eventi clandestini. Durante la giornata e nel corso del coprifuoco, in vigore dalle 22 alle 7, saranno operativi sul territorio 70mila uomini, a cui va aggiunto il personale della Polizia municipale.

Per qualsiasi spostamento sarà necessario compilare l’autocertificazione. L’attenzione delle forze dell’ordine si focalizzerà soprattutto sui veicoli in transito con più persone a bordo, per verificare che soggetti non conviventi non viaggino insieme verso feste vietate.

Oltre alle strade e alle piazze, saranno controllati anche i locali, che potrebbero essere riaperti illegalmente per ospitare i festeggiamenti. Bar e ristoranti potranno lavorare solo in modalità d’asporto o con le consegne a domicilio.

Ti potrebbe interessare anche -> L’Italia torna in zona rossa per il Capodanno: ecco cosa si può fare

Le parole della ministra Lamorgese sui controlli di Capodanno

Intervistata dal Corriere della Sera, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese ha spiegato di non volere che si ripeta una situazione simile a quella che si è verificata in estate con l’apertura delle discoteche: “Hanno contribuito a moltiplicare i contagi e non possiamo più permettercelo – ha detto – per questo saremo inflessibili sia nei controlli che nelle sanzioni”.

La ministra ha sottolineato l’imponente dispiegamento di forze dell’ordine per il monitoraggio delle strade e delle frontiere, ma anche “della rete internet, per impedire che si affittino case dove riunirsi non rispettando le regole e il distanziamento”.

Ti potrebbe interessare anche -> Autocertificazione, ecco il modulo per le feste di Natale e Capodanno

Come ricordato da Luciana Lamorgese, finora le sanzioni sono comunque state poche: “C’è un grande senso di responsabilità e sono convinta che continuerà a prevalere”, ha precisato. Nella settimana di Natale i controlli effettuati sono stati in totale 595.757, con circa 6.000 sanzioni e 77 persone denunciate.