Trattativa Stato-mafia, cosa sappiamo: anticipazioni Report

0
740

Trattativa Stato-mafia, stasera nuova puntata Report sulla vicenda. Si parlerà anche dell’agenda rossa di Paolo Borsellino

Nell’aprile 2018 arrivò la sentenza di primo grado del cosiddetto processo trattativa Stato-Mafia in merito alla stagione stragista di cosa nostra negli anni ’90. Mentre è in corso il processo di secondo grado, parallelamente continuano le inchieste con pubblicazioni di libri o come quelle di Report.

Stasera la trasmissione di RaiTre tratterà il tema con il suo solito stile. Dai canali social sono state date della anticipazioni. Ci sono le intervista al Procuratore Generale di Palermo Roberto Scarpinato che parla della strage di via D’Amelio che uccise Paolo Borsellino e la sua scorta e della famosa agenda rossa del magistrato.

Scarpinato racconta che subito dopo la deflagrazione, con l’auto ancora in fiamme, ci sarebbero stati degli uomini dei Servizi segreti interessati a recuperare l’agenda, disinteressandosi di morti e feriti. L’agenda, infatti, non è mai stata ritrovata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Olivia Ghezzi Perego: chi è la stilista bon ton di ‘Detto Fatto’

Trattativa Stato-mafia, le minacce a Sigfrido Ranucci e il ruolo dei Graviano

Tra gli intervistati anche Nino Di Matteo, oggi membro del Consiglio Superiore della Magistratura e Pm nel processo sulla trattativa. Afferma che Borsellino aveva compreso che tra i carabinieri e la mafia fosse stato avviato un dialogo.

In altre due anticipazioni della puntata di stasera, ci sono le minacce al conduttore Sigfrido Ranucci. Il diretto interessato ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un video dove si racconta che i Madonia nel 2010 avrebbero voluto uccidere il giornalista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Angelo Pisani: che fine hanno fatto i Pali e Dispari

Altro passaggio importate e già anticipato è quello di Salvatore Baiardo, uomo vicino ai fratelli mafiosi Filippo e Giuseppe Graviano. Anche lui parla dell’agenda rossa che sarebbe a disposizioni di più mani e fu anche dello stesso Graviano.