Mother Cabrini, la storia della missionaria dei migranti italiani in Usa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:53
0
210

Mother Cabrini, stasera su RaiUno il film della prima cittadina americana proclamata santa che partì dall’Italia per aiutare gli ultimi

Maria Saverio Cabrini
Screen

La storia degli Stati Uniti d’America è fortemente legata all’Italia, sia nel bene sia nel male. Il motivo è l’emigrazione che in particolare da fine Ottocento raggiunse altissimi livelli. Dal nostro paese in quei decessi partirono a centinaia di migliaia di connazionali.

Tra questi c’è Francesca Saverio Cabrini. Lei non raggiunse il nuovo mondo come tanti altri alla ricerca di fortuna, ma per assistere i migranti ed è stata la prima cittadina statunitense ad essere proclamata santa. Stasera RaiUno, alle23.50, proporrà il film del 2018 Mother Cabrini della regista Daniele Gurrieri.

Emigrare è una possibilità che Dio dà agli uomini è il sottotitolo del film che narra le vicende della missionaria intenzionata a seguire le orma di San Francesco Saverio che andò ad evangelizzare l’Oriente. Fu convinta però dal Vescovo di Piacenza Monsignor Scalabrini a partire verso l’Atlantico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Massimo Cannoletta single o fidanzato? La vita privata del campione

Mother Cabrini, la trama del film

In tutto il mondo fondò 67 istituzioni ma la prima fu in Italia – il Sacro Cuore di Gesù, la prima Congregazione femminile indipendente da rami maschili –  a Codogno, città diventata tristemente nota nell’ultimo anno a causa del Covid.

Il vescovo Scalabrini volle fortemente questo suo impegno quando si accorse che il fenomeno dell’emigrazioni stava assumendo dimensioni preoccupanti. Dopo qualche titubanza accettò, ma non fu facile.

Il film parte dagli anni 1988-1892, forse i più difficili, perché nel primo periodo iniziale la Cabrini ebbe non poche difficoltà. I migranti italiani non hanno una casa né una scuola e non c’è un orfanotrofio per i bambini.

A queste difficoltà si aggiungono quelle create dagli stessi migranti che trattati dagli americani come gli ultimi della società e dunque incattiviti, non accettano di buon grado la missione della donna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GFVip, Antonella Elia a un passo dall’espulsione: i motivi della decisione

Nonostante tutto, Maria Francesca (questo il suo nome di battesimo) non si scoraggiò e con le suore fece un lavoro eccezionale tanto che Madre Teresa di Calcutta si ispirò a lei per la sua opera religiosa. Morì nel 1917 e nel 1946 su proclamata santa.