Caserta, Joseph Capriati è in fin di vita: ecco cosa è successo e i motivi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30
0
397

Giuseppe Capriati meglio noto come deejay Joseph Capriati è in fin di vita, nelle tarda serata di ieri, 8 gennaio, è stato accoltellato all’addome dal padre: i motivi del drammatico gesto.

Joseph Capriati accoltellato motivi

Un grave fatto di cronaca si è consumato nella tarda serata di ieri a Falciano frazione di  Caserta dove poco prima delle 22 il noto deejay internazionale, Joseph Capriati è stato accoltellato dal padre. Capriati è stato colpito all’addome, anche se alcune ricostruzioni parlano di colpo alla parte superiore sinistra del petto, e versa in condizioni disperate presso l’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. La ferita è molto profonda.

Le indagini della Polizia di Stato

Secondo le indagini della Polizia di Stato, coordinate da Luigi Ricciardi capo della Questura, i fatti sono accaduti nella casa paterna dove il 33enne deejay vive dal momento della diffusione della pandemia da coronavirus Covid-19. In genere Capriati vive in Spagna e si muove in tutta Europa dove nel campo della tecno e della house è una star internazionale di livello altissimo.

I record e la carriera di Joseph Capriati

Al suo attivo collaborazioni e dj set con i più importanti professionisti del settore da Danny Tenaglia a Carl Cox da Joey Beltram ad Adam Beyer per non tacere del back-to-back con Louie Vega. Joseph Capriati vanta tra l’altro un record personale di livello mondiale, 25 ore e 30 minuti di suono senza interruzioni, record realizzato presso il Club Heart di Miami.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Caserta, porta la moglie in campagna e la uccide: si è costituito

Joseph Capriati accoltellato dal padre: i motivi

Assurdi i motivi dell’accaduto. Durante una cena in famiglia nella casa di Falciano è iniziato, per futili motivi, un duro confronto. Confronto degenerato a tal punto da portare il papà di Giuseppe ad impugnare un coltello e a menare il fendente. Un fendente che rischia di essere fatale per il figlio di cui si è sempre dichiarato “ammirato e orgoglioso”. Papà Capriati è ora ristretto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di tentato omicidio.