Alex Zanardi è tornato a parlare: le condizioni del campione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30
0
245

La neuropsicologa del San Raffaele di Milano ha raccontato al Corriere della Sera che Alex Zanardi ha iniziato a comunicare con la sua famiglia.

alex zanardi è tornato a parlare
Alex Caparros/Getty Images

A circa sette mesi dal gravissimo incidente, Alex Zanardi è tornato a parlare facendo crescere le speranze per il miglioramento delle sue condizioni di salute. A dare la buona notizia è stata Federica Alemanno, la neuropsicologa dell’ospedale San Raffaele di Milano, che in un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: “Quando ha cominciato a parlare non ci credeva nessuno, è stata una grande emozione”.

Ti potrebbe interessare anche -> Ciccio Graziani, come sta dopo il grave incidente che l’ha colpito

Le novità sulle condizioni di Alex Zanardi

L’ex pilota si Formula 1 e paraciclista si trova attualmente nell’Ospedale di Padova, dove sta proseguendo il percorso di riabilitazione in seguito all’incidente del 19 giugno 2020 verificatosi sulle strade della Val d’Orcia, in Toscana, durante una gara di beneficenza in handbike. Zanardi aveva perso il controllo del suo mezzo mentre percorreva una curva, finendo nella carreggiata opposta e scontrandosi violentemente con la parte frontale di un tir.

Ricoverato con urgenza in ospedale in condizioni di grave instabilità neurologica e sistemica, il campione paralimpico ha affrontato un lungo periodo in terapia intensiva accompagnato da un delicato percorso neurochirurgico, finalizzato a risolvere le complicanze dovute al trauma e a ricostruire la parte facciale e cranica.

Ti potrebbe interessare anche -> Eleonora Goldoni, nuova star del calcio femminile: “Continuo a sognare”

Come raccontato dalla neuropsicologa Federica Alemanno, le condizioni di Alex Zanardi sono finalmente stabili: lei stessa è rimasta colpita dalle sue capacità di recupero. Per risvegliarlo e fargli riprendere coscienza è stata utilizzata la tecnica awake-surgery: “È una tecnica molto particolare – ha spiegato la dottoressa – che si fa in pochissimi centri in Italia e ha come obiettivo quello di garantire al paziente la migliore qualità di vita possibile dopo un’inevitabile intervento chirurgico alla testa”.