Covid-19, ecco il nuovo DPCM: cosa cambia per la scuola

0
222

Covid-19: il Premier Conte è pronto a firmare il nuovo DPCM che entrerà in vigore da domani 16 gennaio, cosa cambia per la scuola.

(MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Tra i tanti ambiti coinvolti nel nuovo DPCM il mondo della scuola è uno dei più interessati. Ecco di seguito nel dettaglio le misure riguardanti la scuola.

Ti potrebbe interessare anche-> Covid, Conte firma il nuovo DPCM: ecco cosa si può fare e cosa è vietato

Superiori in presenza dal 50% al 75%: Covid-19, cosa cambia per la scuola

Dal 18 gennaio almeno il 50% fino ad un massimo del 75% degli studenti delle scuole secondarie di primo grado è garantita la didattica in presenza. Mentre le restanti parti delle attività didattiche saranno svolte tramite la DAD. In ogni caso è sempre garantita la didattica in presenza per i laboratori e per gli studenti con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Scuola dell’infanzia

Le attività didattiche nelle scuole dell’infanzia continua a svolgersi interamente in presenza.

Scuole nelle zone rosse

Svolgimento in presenza, nelle regioni rosse, delle attività didattiche  per gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle scuole primarie e del primo anno delle medie. Mentre per le classi seconda e terza delle scuole medie per tutte le classi delle superiori la didattica sarà tassativamente in modalità DAD. In ogni caso è sempre garantita la didattica in presenza per i laboratori e per gli studenti con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Ti potrebbe interessare anche->Polizia contro Gianna Nannini: “Deve scusarsi”. La cantante risponde

Mascherine: uso obbligatorio

E’ obbligatorio l’utilizzo delle mascherine per i bambini over 6 anni. Sono esclusi dall’obbligo solamente i bambini sotto i 6 anni e soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

Corsi di formazione

I corsi di formazione si svolgeranno solamente in modalità a distanza. Sono consentiti in presenza, tra gli altri, i corsi di formazione da effettuarsi in materia di salute e sicurezza, nonché l’attività formativa in presenza, ove necessaria, nell’ambito di tirocini, stage e attività di laboratorio, a condizione che siano rispettate le misure di cui al «Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione» pubblicato dall’INAIL.

Riunioni degli organi collegiali

Le riunioni degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado continuano a essere svolte solo con modalità a distanza.

Viaggi di istruzione

Sempre sospesi i viaggi d’istruzione, gli scambi tra scuole estere programmate dalle scuole di ogni ordine e grado.

Attività di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali per l’Orientamento) O ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

Sarà possibile svolgere suddette attività solamente in cui sia possibile garantire il rispetto della normative vigenti relative al distanziamento sociale e all’uso di dispositivi di protezione individuale.

Concorsi

Il nuovo DPCM sancisce che sarà possibile effettuare prove selettive dei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni solamente nel caso in cui sia prevista la partecipazione di un massimo di 30 candidati, previa adozione di protocolli adottati dal Dipartimento della Funzione Pubblica e validati dal Comitato tecnico-scientifico di cui all’articolo 2 dell’ordinanza 3 febbraio 2020, n. 630, del Capo del Dipartimento della protezione civile. Resta ferma la possibilità per le commissioni di procedere alla correzione delle prove scritte con collegamento a distanza.

Spostamenti: sempre consentiti per motivi di studio

Sempre consentiti gli spostamenti per motivi di studio anche nelle zone arancioni o rosse