Inter, tanti hedge fund alla finestra: spunta l’interesse di Arctos

0
253

Tra i tanti fondi d’investimento pronti ad entrare nel mondo dello sport ci sarebbe anche il private equity statunitense Arctos Sports Partners.

(Emilio Andreoli/Getty Images)

Negli ultimi giorni si sono susseguite notizie riguardanti il gruppo Suning. Nello specifico, il fondo cinese, sarebbe pronto a lasciare l’Inter per problemi finanziari. Nella giornata di ieri, è stato convocato un Consiglio di Amministrazione d’urgenza che ha ribadito come effettivamente c’è stata una contrazione dei ricavi dovuta principalmente alla crisi pandemica.

Ti potrebbe interessare anche -> Ciccio Graziani, come sta dopo il grave incidente che l’ha colpito

Per questa ragione il fondo cinese sarebbe alla ricerca di partners per risollevare le casse della società. A tal proposito rimbalza prepotentemente da giorni l’interesse del fondo britannico BC Partners ma, secondo quanto riportato dal Financial Times, anche l’hedge fund statunitense Arctos Sports Partners sarebbe interessato alla causa. La famiglia Zhang ha, in ogni caso, la volontà di mantenere il controllo della società ma è evidente come le casse nerazzurre abbiano bisogno di liquidità anche in ottica del prossimo bilancio. Rendiconto che sarà condizionato da un passivo che supererà i 102 milioni di euro dello scorso anno.

Ti potrebbe interessare anche -> Alex Zanardi è tornato a parlare: le condizioni del campione

Arctos Sports Partners: chi sono e di cosa si occupano, perché vogliono acquistare l’Inter

Arctos Sports Partners, da come si apprende dal sito ufficiale del fondo, è una piattaforma di private equity dedicata al settore professionistico dello sport, ai proprietari di franchigie o club nel mondo dello Sport. La mission di Arctos Sports Partners è quella di acquistare quote di minoranza passiva in squadre sportive professioniste e fornire liquidità personalizzata e soluzioni di capitale di crescita passiva ai proprietari e ai governatori della squadra. E’ stato fondato nel 2019 ed è gestito da Ian Charles e David O’Connor ( ex amministratore delegato della Madison Square Garden Company). Tra i suoi consulenti, il fondo statunitense, annovera l’ex presidente di Turner Sports David Levy.