Cortina, Ferrari bloccata nella neve: il video dell’influencer

0
561

Cortina, Ferrari bloccata nella neve nel video del giovane influencer Andrea Pirillo. Intervengono i Vigili del Fuoco

ferrari bloccata neve
Foto Instagram

Belle e costose auto, un gruppo di amici e voglia di divertirsi, nonostante i divieti imposti dalla pandemia. Tutto questo nello scenario innevato di Cortina. L’atmosfera può sembrare delle migliori per momenti memorabili ma neanche una Ferrari non può essere superiore ai limiti imposti dalla natura.

È quello che è successo al giovane influencer bolognese Andrea Pirillo, 23 anni, che in compagnia di altre persone è rimasto bloccato con la Ferrari sulle strade che portano nel cuore delle Dolomiti. “Abbiamo solo la trazione posteriore con le termiche montate” ha detto lo stesso Pirillo in un video postato.

Oltre alla bella rossa c’era l’Audi Q8 che si era fermata già precedentemente e poi altri pezzi pregiati del mondo delle auto: una Mercedes A 45 AMG e una Lamborghini Urus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Clamoroso, Facebook oscura la pagina “Le più belle frasi di Osho”: i motivi

Cortina, Ferrari nella neve: polemiche

Auto decisamente poco adatte per strade innevate dove l’asfalto è totalmente coperto dal bianco. Le vetture restano bloccate e con l’aiuto di altre persone che forniscono anche delle fascine riescono a ripartire.

“Cantano” i motori lì sulle montagne e i giovani si dirigono verso un ristorante. “Ci avevano detto che la strada era accessibile“, dice Pirillo riportando quanto riferito dal ristorante stesso per telefono.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Eletta la Capitale italiana della cultura 2022: è Procida

Nel frattempo arriva di nuovo la persona che li aveva aiutati precedentemente che ha un’auto ben diversa, una gip, più adatta a situazioni del genere. L’uomo è ben disposto ad aiutarli ma non ci sono corde per trainarle. Comincia a nevicare e cala la sera e l’intervento dei Vigili del Fuoco diventa provvidenziale.

Sul social non sono mancate le polemiche e i messaggi contro i ragazzi accusati di essere incoscienti; non solo perché quel tipo di auto non sono adatte a certe condizioni ma anche perché il tutto è avvenuto nel corso della pandemia.