Alice in Wonderland, Mia Wasikowska: la protagonista del film

0
178

Curiosità su Alice in Wonderland, cosa sapere sull’attrice Mia Wasikowska: la protagonista del film si racconta in un’intervista.

(screenshot video)

L’attrice statunitense Mia Wasikowska si è formata come ballerina da adolescente prima di cambiare carriera. Nel 2010 è stata la star del cinema con il maggior incasso al mondo dopo aver interpretato la protagonista in Alice nel paese delle meraviglie di Tim Burton e aver recitato al fianco di Annette Bening e Julianne Moore in I ragazzi stanno bene.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Olga Kent Fuga dei Cervelli: che fine ha fatto, com’è oggi

Questi due ruoli l’hanno consacrata come una delle attrici più amate dell’ultimo decennio. Da qualche anno, si sono però fatte più sporadiche le sue apparizioni. In un’intervista a The Guardian ha spiegato: “Stranamente, mi sento meglio da quando ho compiuto 30 anni rispetto a quando mi sono avvicinato”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nina Senicar adesso è diventata mamma, dov’è finita?

Mia Wasikowska: quel legame con Alice in Wonderland

“Ventotto era più difficile” – ha sottolineato nell’intervista Mia Wasikowska – “Misuro la mia vita in termini di età; Invidio le persone che non lo fanno. Per me si tratta di chiedere, mi sono fermato abbastanza a lungo da scegliere di fare quello che sto facendo?”. L’attrice di anni oggi ne ha 31 ed è sicuramente indissolubile il legame con Alice in Wonderland, il capolavoro di Tim Burton che Italia 1 propone in prima serata. Quello è stato il film che l’ha resa nota al pubblico e per il quale è stata amata da più generazioni. Gli ha dato anche alcune soddisfazioni personali: premi vinti e nomination ottenute.

Nell’intervista, commenta quel ruolo parlando come di “un altro punto di svolta” e ricorda la difficoltà del cambiamento e dell’impatto con Hollywood. Lei però dice di restare e sentirsi australiana: “Rimango fermamente in Australia e adoro esserci, ma non sono un patriota”. Sottolinea di amare le differenze e di avere empatia con le minoranze, quindi dà la sua definizione di libertà: “Sapere di avere delle scelte, non sentirsi mai in debito con nessuna persona”.