Coniugi scomparsi a Bolzano, spunta nuova ipotesi: avvelenamento

0
363

Bolzano, coniugi scomparsi. La figlia pretende la verità “qualsiasi essa sia”. E spunta l’ipotesi dell’avvelenamento

coniugi scomparsi bolzano
Foto Facebook

Ancora tanti dubbi e poche certezze, almeno per quelle che sono state fatte trapelate dalla Procura e dai carabinieri che indagano sulla scomparsa di Peter Neumair e Laura Perselli, marito e moglie, avvenuta a Bolzano lo scorso 4 gennaio.

Tra le poche certezza il ritrovamento di una giacca uguale a quella che indossava l’uomo e un buco di quaranta minuti nella cellula telefonica dell’unico indagato, il figlio trentenne Benno. Sono gravi le accuse a suo carico, omicidio ed occultamento di cadavere.

Ieri hanno sorpreso le dichiarazioni dei familiari che si aspettavano l’iscrizione nel registro degli indagati di Benno. Oggi anche la sorella, Madè, ha parlato: “Voglio assolutamente sapere la verità, qualsiasi essa sia” ha dichiarato la 26enne ad Alto Adige

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Andrea Cavalleri arrestato, le gravi accuse: “Voglio fare come Traini”

Coniugi scomparsi a Bolzano, la figlia: “Voglio la verità”

La famiglia respinge però il modo cui si sta trattando l’indagato (a piede libero), come se fosse già colpevole. Insegnante di matematica e amante del Fitness, alcuni genitori hanno chiesto la sua sospensione dalla scuola.

Per quanto riguarda l’ormai famoso “buco” di quaranta minuti nel telefono del ragazzo, ha spiegato che è dovuto al fatto che la sera della scomparsa dei genitori era andato al laghetto dei pescatori per rilassarsi e per tale motivo spense lo smartphone. Nelle ultime ore è spuntata anche un’altra pista che porterebbe all’avvelenamento dei due.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Soluzione fisiologica al posto del vaccino anti-Covid

Nello stesso lasso di tempo si spengono anche i cellulari dei genitori. Il ragazzo avrebbe comunque un alibi ma le telecamere che potrebbero confermare non possono aiutarlo. Dopo un danneggiamento causato da un furto qualche mese fa, l’impianto non è mai stato più ripristinato.