Palermo, il padre della bimba morta per Tik Tok: “Non era in sé”

0
224

Palermo, parla il padre della bimbina di 10 anni morta in seguito ad una challenge su Tik Tok. “Quando si è soffocata non era in sé”

Tik Tok

Parla il padre di Antonella, la bambina di Palermo morta in seguito ad una sfida sul Social Network Tik Tok. Angelo Sicomero si esprime sulla scelta di donare gli organi della figlia: “Il dono più bello che potevamo fare. Perché mia figlia era allegra, generosa. Tre bambini vivranno grazie ai suoi organi e le rivivrà con loro”.

Angelo, che di mestiere fa il muratore ed è padre di altre due bambine, continua: “Antonella voleva essere la regina, la star di Tik Tok e c’è riuscita. Devo stare calmo, è difficile. Tra due settimane sarò di nuovo papa e di nuovo di una femmina. Ma se potessi spaccherei il mondo”.

Ti potrebbe interessare anche->Covid-19, le conseguenze dell’isolamento nei ragazzi

Antonella Sicomero, la bambina morta per una sfida su Tik Tok

Antonella era una bambina di 10 anni molto presa dal mondo dei Social Network, soprattutto quando i suoi genitori le regalarono un cellulare il giorno del suo decimo compleanno. Possedeva tre profili Facebook e dieci su Instagram. “Rubava sempre il telefono alla madre e scaricava Tik Tok – continua il padre Angelo ai microfoni de la Repubblica –  allora ci siamo arresi, ballava e cantava, scaricava tutorial per truccarsi o per acconciature. Avrebbe voluto fare l’estetista da grande. Era una bambina molto ubbidiente difatti non ho avuto mai bisogno di prenderle il cellulare per controllare cosa facesse, perché tra noi non c’erano segreti”.

Le indagini, da parte delle autorità competenti,  stanno procedendo per chiarire la dinamica dell’accaduto. Ancora il padre sostiene: “Sono convinto e ho il timore che qualcuno in privato l’abbia contattata per convincerla ad effettuare quella sfida. Inoltre sono sicuro che in quei cinque-dieci muniti mia figlia non era in sé stessa”.

Ti potrebbe interessare->Foggia, incidente stradale fatale per una ragazza di 28 anni

Il ricordo di Mercoledì sera da parte del Padre

Angelo racconta che mercoledì era stata una giornata comune come le altre. Afferma che in questi giorni le sue figlie non stanno andando a scuola per paura del Covid-19 e racconta che Angela prima di cenare aveva chiesto al padre una cinta per giocare. Evidentemente ad un certo punto il gioco si è trasformato in altro e la bambina si è spinta oltre perdendo la vita a causa di una terribile challenge.