Juventus-Bologna 2-0, gol di Arthur e McKennie: Tabellino e Highlights

0
998

I bianconeri conquistano tre punti preziosi per colmare il gap in classifica con le milanesi

Juventus-Bologna: Tabellino e Highlights

Juventus-Bologna 2-0, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Juventus-Bologna: Tabellino e Highlights – I campioni d’Italia hanno la grande opportunità di accorciare la distanza in classifica con Milan e Inter. I rossoneri hanno perso in casa a San Siro con l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, i nerazzurri non sono andati oltre lo 0-0 contro l’Udinese di Luca Gotti alla Dacia Arena. Nella partita domenicale del lunch-time domenicale i bianconeri hanno così l’opportunità, vincendo contro il Bologna di Sinisa Mihajlovic, di rendere più credibili le speranze di rimonta in questa stagione e di tornare a giocarsela per il titolo, inseguendo il record del decimo scudetto consecutivo. I rossoblù si presentano all’Allianz Stadium con la necessità di fare punti in una sfida che sin da subito si presenta molto proibitiva per la squadra del serbo. La Juventus, forte e in fiducia dopo la vittoria della Supercoppa italiana contro il Napoli in settimana, inizia subito ad attaccare con ritmi molto alti. Buone combinazioni da parte sia di Cuadrado, sia da Bernardeschi a destra, mentre sulla sinistra gioca un altrettanto propositivo McKennie, scambiano la palla con i molto attivi Ronaldo e Kulusevski. Lo svedese gioca infatti in posizione offensiva al posto di Morata, che invece Pirlo ha scelto di lasciare in panchina, a dispetto di quanto si attendesse alla vigilia del match. Bernardeschi, che torna titolare, ingaggia un vero e proprio duello con il portiere polacco del Bologna Skorupski, mentre McKennie e Cuadrado sfiorano in più di un’occasione il vantaggio bianconero. Il Bologna si riconferma abbastanza fragile in difesa, mentre Orsolini, Soriano e Barrow faticano a trovare i migliori spazi fra le maglie della retroguardia dei padroniu di casa. Bonucci  e Chiellini restano una coppia difensiva solida sulla quale è difficile avere la meglio.

Il vantaggio

Il gol della Juventus arriva dopo il primo quarto d’ora, ma la conclusione di Arthur è più che fortunosa, perché il tiro del brasiliano impatta su un difensore rossoblù che malauguratamente devia in porta spiazzando completamente Skorupski, che invece si era tuffato dalla parte opposta. Dal vantaggio bianconero sarà un vero e proprio tiro al bersaglio verso la porta del Bologna, almeno fino al 30′, perché il ritmo della Juve continua a essere feroce, mentre il Bologna fatica a trovare le giuste contromisure. I più propositivi sono McKennie e Bernardeschi. Non fosse stato per l’estremo difensore degli emiliani, anche loro come Arthur sarebbero andati in gol. I rossoblù hanno un’opportunità con Soriano, ma il trequartista non inquadra lo specchio della porta, calciando fuori. La difesa bianconera resta comunque attentissima di fronte a qualsiasi tentativo di reazione degli avversari, così da mantenere la porta inviolata al termine della prima frazione di gioco.

La ripresa

Nel secondo tempo il Bologna cerca con maggiore convinzione di conquistare il pareggio, provandoci con Barrow, ma sia in questa occasione sia in una deviazione pericolosa di Cuadrado verso la porta, Szczesny riesce a superarsi con un doppio intervento che mantiene il punteggio del Bologna fermo sullo zero. I bianconeri provano a sfruttare le ripartenze, ma gli esterni della Juve non sono lucidi nel servire nel modo migliore con l’ultimo passaggio gli attaccanti Cristiano Ronaldo e Kulusevski. I rossoblù sono però propositivi nella ripresa, perché in due azioni i padroni di casa sono costretti a spendersi due cartellini gialli, con gli interventi di Chiellini e dello stesso autore del gol Arthur. Su Barrow però è il portiere bianconero a riconfermarsi in un ottimo stato di forma, respingendo un paio di conclusioni e mantenendo la porta inviolata. Meglio il Bologna nel secondo tempo dal punto di vista del gioco, ma la retroguardia juventina conserva il vantaggio, grazie alla prontezza dell’estremo difensore. Anche Sansone, subentrato a Vignato, riesce a portarsi al tiro, ma calcia appena fuori senza trovare la porta. In contropiede i campioni d’Italia rispondono con Cuadrado, ma è Skorupski in questo caso a doversi superare, mantenendo la propria squadra in partita. Al 63′ CR7 ha l’opportunità di far gol con un calcio di punizione, ma il tiro si infrange sulla barriera rossoblù. Cuadrado, sempre molto propositivo, tira invece da fuori area dopo una corsa tipica per un calciatore veloce come lui, ma colpisce malamente il pallone che termina alto alle spalle di Skorupski. Pirlo però mostra chiaramente la volontà di vincere con un risultato maggiormente rotondo e non giocare per difendere l’1-0, perché il tecnico della Juventus inserisce Morata al posto di Bernardeschi, senza rinunciare, anzi accentuando le caratteristiche offensive della sua formazione. Dopo neanche un minuto l’attaccante spagnolo ha subito l’opportunità di segnare con un movimento da vera punta, tagliando alle spalle dei difensori emiliani su un passaggio dell’onnipresente Cuadrado. Ma il portiere del Bologna devia in angolo. Proprio in questa occasione McKennie riesce in area a colpire di testa e a battere la difesa avversaria, per una conclusione che vale il 2-0 bianconero in un momento molto difficile della partita. Con il raddoppio in bianconeri riescono a giocare ancora più in fiducia, mentre il Bologna cala fisicamente e psicologicamente. Subito dopo il gol, il centrocampista americano ha subito una nuova occasione a due passi da Skorupski, ma calciando centrale non trova la doppietta personale. I rossoblù non riescono più a uscire dalla propria metà campo, mentre Ronaldo e compagni continuano a premere per chiudere definitivamente i conti e la partita con il terzo gol. Con Palacio e Olsen gli emiliani provano nel finale un estremo tentativo di riaprire il match, ma contro questa Juventus è davvero difficile. Pirlo inserisce anche De Ligt al posto di Bonucci per ridare minuti nelle gambe all’olandese che nei giorni scorsi era stato fermato dalla positività al Covid-19. All’84’ un tiro di Sansone si spegne sul fondo, nonostante l’attaccante abbia fatto bene a calciare al volo in quella circostanza, cercando di guadagnare un tempo di gioco sugli avversari. Dalla parte opposta nel finale di gara ci provano anche Rabiot e Ronaldo, per l’ennesima volta, ma in entrambe le occasioni il portiere del Bologna si supera completando di fatto il suo turno di straordinari. La partita si chiude sul risultato di 2-0, ma basta ai bianconeri per conquistare tre punti preziosi per il morale e la classifica. Con il girone di ritorno si ripresenterà la sfida-rimonta per la squadra che ha vinto lo scudetto negli ultimi nove anni.

 

Potrebbe interessarti anche -> Milan-Atalanta 0-3: la Dea espugna San Siro

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Juventus-Bologna: Tabellino e Highlights

Reti: Arthur 15′, McKennie 71′

Juventus (4-4-2): Szczesny, Danilo, Chiellini, Bonucci (De Ligt 78′), Cuadrado, McKennie (Demiral 92′), Bentancur, Arthur (Rabiot 78′), Bernardeschi (Morata 68′), Kulusevski (Ramsey 79′), Ronaldo.
Allenatore: Andrea Pirlo

Bologna (4-2-3-1): Skorupski, Dijks (Olsen 76′), Tomiyasu, Danilo, De Silvestri (Soumaoro 46′), Svanberg (Dominguez 64′), Schouten, Vignato (Sansone 46′), Soriano, Orsolini (Palacio 76′), Barrow.
Allenatore: Sinisa Mihajlovic

Arbitro: Juan Luca Sacchi

Ammoniti: Vignato, Kulusevski, Chiellini, Arthur, Dijks

Espulsi:

Highlights QUI