Orrore a Maddaloni: ragazza di 22 anni sequestrata, violentata e filmata dai suoi tre carnefici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:37
0
251

Un fatto di cronaca che ha sconvolto il casertano e che ha portato alla luce l’atroce vicenda fatta di segregazione e stupri ai danni di una ragazza, rivelate da una indagine da parte della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).

(repertorio Polizia di Stato)

Segregata e torturata per alcuni giorni all’interno di un’abitazione a Maddaloni, in provincia di Caserta. Una ragazza, 22enne affetta da un deficit cognitivo, è stata vittima di un sequestro da parte di tre aguzzini: due uomini e una donna.

Leggi Anche -> La vicenda di Antonella

L’epilogo orribile delle violenze subite è stato quello di filmare gli atti della violenza sessuale. Video che i tre hanno scambiato tra di loro e che successivamente gli inquirenti hanno recuperato sui cellulari, all’interno dell’abitazione dove la ragazza era stata segregata in condizioni disumane.

Leggi Anche -> Bari: bimbo di 9 anni muore impiccato

Ragazza sequestrata a Maddaloni: cosa è accaduto

Il padre della vittima aveva deciso di rivolgersi alla polizia visto il perdurare dell’assenza della figlia, allontanatasi qualche giorno prima – denuncia che ha poi condotto all’arresto dei tre autori delle violenze da parte delle stesse autorità e della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Trattasi di due uomini di 63 e 35 anni e una donna di anni 31.

La ragazza ha rivelato agli investigatori, sotto audizione protetta e sotto la custodia di una psicologa, i dettagli dell’aberrante violenza subita e perpetrata da parte dei tre carnefici. Gli abusi, da quanto appreso da parte delle autorità, venivano commessi sia in gruppo sia in modo individuale. Gli stessi agivano sulla vittima avvalendosi di metodi persecutori e veementi, i continui stupri venivano preceduti da bastonate e percosse.

Attraverso i racconti della ragazza gli inquirenti hanno potuto ricostruire la vicenda in modo chiaro,visto anche il ritrovamento dei filmati sui cellulari sequestrati ai tre complici che avevano cercato in ogni modo possibile di sopraffare la ragazza servendosi della difficoltà cognitiva della stessa.

Da una prima ricostruzione delle autorità si apprende che la 22enne era stata sequestrata e costretta a seguire uno dei tre in una casa di proprietà. Dopo averle sottratto il cellulare i tre hanno dato vita all’orribile e sconcertante vicenda che ha provocato un dolore immenso nella vita della 22enne.