Paola Pitagora, la love story con Gianni Morandi: “Insulti pesanti”

0
211

La vita privata dell’attrice Paola Pitagora, la love story con Gianni Morandi: “Insulti pesanti e stalking, costretta a querelare”.

Paola Pitagora e Gianni Morandi in una vecchia foto

L’attrice Paola Pitagora, che ad agosto di quest’anno compirà 80 anni, è stata a cavallo tra anni Sessanta e Settanta tra le più iconiche del nostro cinema. Vincitrice di un Nastro d’argento come miglior attrice per “Senza sapere niente di lei” di Luigi Comencini, ha posato nuda per Playboy e inciso alcuni dischi e singoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Barbara Cola: che fine aveva fatto la cantante scoperta da Morandi

Uno di questi è datato 1973 ed è Quel lungo filo/Così fu e sempre sarà, in cui canta con Gianni Morandi. I due protagonisti dello spettacolo italiano si sono incontrati durante lo spettacolo teatrale “Iacopone da Todi”. La loro fu una storia breve, ma passionale, che all’epoca finì su tutti i rotocalchi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Laura Efrikian, figlia morta: “Non l’ho mai conosciuta”

La verità sulla love story tra Paola Pitagora e Gianni Morandi

Ha raccontato di recente l’attrice in un’intervista rilasciata al ‘Fatto Quotidiano’: “Venivo dipinta come la ruba mariti o la sciupafamiglie”. Spiega che le cose non stavano così, ma che nel frattempo fu vittima di vero e proprio stalking. Ha sottolineato ancora che quando iniziò quella storia, “Morandi e la moglie si erano già lasciati, e non a causa mia. Però l’ obiettivo era far esaltare la purezza del cantante rispetto a me”. All’epoca, l’attrice si rivolse al suo avvocato e fece causa, vincendo la querela contro chi la diffamò.

In un’altra intervista a DiPiù TV, l’attrice ha in sostanza minimizzato su quella storia con Gianni Morandi, spiegando come erano andate a suo avviso le cose. “Non una grande storia d’amore, che fu montata in quel modo per fare pubblicità alla nostra commedia” – sono le parole di Paola Pitagora oggi ospite del programma “Oggi è un altro giorno” – “Ma mettiamola così: fu un legame tra due giovani che lavoravano insieme e che si piacevano”.