Fabio Concato, la figlia Carlotta: per lei Fiore di Maggio

0
1235

La vita privata di Fabio Concato, la figlia primogenita del cantautore si chiama Carlotta: per lei Fiore di Maggio, cantata anche assieme.

(screenshot video)

Cantautore raffinatissimo, che va verso i 50 anni di carriera, Fabio Concato si è regalato lo scorso anno 40 anni di matrimonio con la moglie Elisabetta Pesarese. A lei è dedicato uno dei brani più celebri della sua produzione, ovvero ‘Domenica bestiale’. Il suo essere intimo e riservato si evince anche dal suo racconto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Schumacher “un combattente”, l’ex pilota riaccende la speranza

Ha spiegato Concato a proposito del brano: “Ricordo il periodo del fidanzamento come uno dei più felici della mia vita: è stato durante quel tempo, infatti, che ho scritto la mia canzone più famosa”. I due hanno due figlie insieme, ovvero Carlotta la primogenita e Giulia. Sono anche nonni di Nina Matilde, figlia di Carlotta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dramma Formula 1: morto Adrian Campos, ex pilota Minardi

Carlotta, la figlia di Fabio Concato: il fiore di maggio della famiglia

E Carlotta è anche il Fiore di Maggio a cui è dedicata un’altra celebre canzone del cantautore. I due hanno cantato anche insieme questa canzone, nata nel 1984 insieme alla primogenita del cantautore. Questo duetto è avvenuto in un momento particolare. Qualche anno fa, infatti, uscì in edizione limitata col “Corriere della sera” una versione speciale del brano di successo di Fabio Concato, cantata coi cori proprio della figlia primogenita. L’altro guest di questa versione è Tullio De Piscopo alla batteria.

Più di recente, nel 1992, Fabio Concato aveva pubblicato il disco ‘In viaggio’, che aveva all’interno un brano dedicato all’altra sua figlia. Il brano si chiama semplicemente “Giulia” e il cantautore lo definì così: “Canto questa canzone che parla di noi due, di un uomo e di sua figlia che viaggiano un po’ come due fidanzati…”. Dunque, ogni evento lieto della sua vita è indissolubilmente legato a un brano, da “Domenica bestiale” in poi.