L’Eredità, il ricordo di Massimo Cannoletta: “Ha dato la vita…”

0
1983

Il ricordo di Massimo Cannoletta, campione del quiz show L’Eredità, omaggio a Giulio Regeni: “Ha dato la vita…”.

(Twitter)

Campione anche fuori dal contesto del quiz show L’Eredità: Massimo Cannoletta, con quasi due mesi di permanenza e 250mila euro vinti ormai diventato una leggenda vivente del programma di Raiuno, sta tornando a far parlare di se in questi giorni. La sua capacità di rispondere correttamente alle domande stavolta non c’entra nulla.

Leggi anche -> L’Eredità, per il campione Giuseppe una zuppa da 57.500 euro

Anche da un punto di vista umano, infatti, il campione del quiz show, che sogna di poter tornare in televisione con un programma tutto suo, si dimostra un vero campione. Infatti, in queste ore, un suo messaggio su Twitter ha scatenato molte reazioni. E in tanti plaudono alle sue parole.

Leggi anche -> Eleonora, un Paese che vale 115mila euro: ritorno a L’Eredità col botto

Così Massimo Cannoletta nel ricordo di Giulio Regeni

Parole che su Twitter dedica a un giovane italiano che ha perso la vita in circostanze misteriose mentre si trovava all’estero. La vicenda di questo ragazzo potrebbe non arrivare mai a una verità storica, di fronte agli omissis. Parliamo di Giulio Regeni, il giovane ricercatore ucciso in Egitto. A lui Massimo Cannoletta, facendo leva sulla propria notorietà ormai acquisita, chiede di intitolare una strada.

L’appello del campione del quiz show ‘L’Eredità’ è rivolto direttamente al sindaco di Milano, Beppe Sala, e può essere considerato un chiaro segnale. Infatti, viene chiesto di rinominare Via Timavo, dove ha sede oggi il consolato egiziano di Milano, intitolandola al ricercatore italiano ucciso in Egitto. Una proposta che – a giudicare dalle decine di commenti apparsi sulla bacheca di Cannoletta – ha trovato moltissimi consensi in queste ore. Il campione dell’Eredità sottolinea anche che a suo avviso la proposta avanzata, oltre che un segnale all’Egitto, sarebbe un omaggio a “un giovane italiano che ha dato la vita in nome della ricerca e della conoscenza”.