Dal dramma che gli cambiò la vita all’ascesa politica: chi è Mario Draghi

Mario Draghi si prepara ad affrontare una nuova sfida al vertice del governo italiano per traghettare il Paese fino alla fine della legislatura. In tanti conoscono la sua carriera di successo, ma in pochi sono a conoscenza del suo dramma giovanile.

dal dramma giovanile all'ascesa politica: chi è mario draghi
Thomas Lohnes/Getty Images

Il suo nome aleggiava in Italia da mesi, sia tra i media che tra i corridoi di Palazzo Chigi. Adesso quelle che potevano sembrare solo congetture dovrebbero diventare realtà: Mario Draghi è stato scelto dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per guidare il Paese fino al termine della legislatura e portare a termine gli impegni presi con l’Europa nell’ambito del Recovery Plan. Nel caso in cui dovesse ottenere la fiducia in Parlamento, succederà a Giuseppe Conte alla carica di presidente del Consiglio.

Ti potrebbe interessare anche -> Governo Draghi, Movimento 5 Stelle contrario: “No a Monti bis”

La vita di Mario Draghi

Economista, accademico, banchiere e dirigente: Mario Draghi, oggi 73enne, è noto soprattutto per il suo curriculum di successo. Non tutti sanno però che nel 1962, a soli 15 anni, perse il padre e la madre a poca distanza l’uno dall’altra. Un dramma giovanile che gli cambiò la vita. Dopo essere divenuto orfano, fu sua zia a prendersi cura di lui. Dopo essersi diplomato al liceo Massimo di Roma dai gesuiti, si laureò nel 1970 in Economia presso La Sapienza, con una testi intitolata “Integrazione economica e variazione dei tassi di cambio”.

L’anno dopo fu ammesso presso una delle migliori università al mondo, la Massachusetts Institute of Technology negli Stati Uniti. Al termine dell’esperienza di studio ottenne un dottorato di ricerca supervisionato dai noti economisti Robert Solow e Franco Modigliani. Negli anni Novanta tornò in Italia su indicazione dell’allora presidente di Bankitalia Carlo Azeglio Ciampi, diventando un alto funzionario del ministero del Tesoro. Dopo circa dieci anni passò alla Goldman Sachs, una delle banche d’affari più importanti del mondo.

Ti potrebbe interessare anche -> Governo Draghi: i nomi dei ministri, chi sono i possibili membri dell’esecutivo

Mario Draghi nel 2005 fu poi nominato governatore della Banca d’Italia, mentre nel 2011 raggiunse l’apice della sua carriera professionale diventando il presidente della Banca Centrale Europea. Durante la sua presidenza dovette affrontare la crisi più grave dell’euro, che avrebbe potuto compromettere sia l’esperienza della moneta unica che del progetto europeo. Tuttavia grazie alla sua grande conoscenza dei mercati e del mondo speculativo, riuscì a salvare l’euro. Dopo quasi dieci anni ancora si ricordano le sue parole: “Whatever it takes”, inteso come fare qualsiasi cosa pur di salvare la moneta e aiutare i Paesi in tensione per l’andamento dei tassi sui titoli di Stato. Draghi rimase presidente della BCE fino al 2019.