Napoli, giudice ad avvocato nero: “Sei laureato?”

0
165

Napoli, giudice ad avvocato nero: “Sei laureato? Hai tesserino?” Scoppia la polemica al Tribunale dei minori

avvocato napoli
Foto Facebook

“Non è razzismo, è idiozia”. A dirlo è il diretto interessato Hilarri Sedu, avvocato di origini nigeriane con la pelle nera. Ha raccontato lui stesso cosa è successo al Tribunale e quali sono state le parole proferite da una Giudice onoraria.

Certamente non succede tutti i giorni che un avvocato si sente dare del tu, gli viene chiesto di mostrare il tesserino e se è in possesso della laurea. Andiamo con ordine per ricostruire la vicenda.

Il fatto è avvenuto questo mattina presso il Tribunale per i minorenni di Napoli. È il turno dell’avvocato Hilarri Sedu per la discussione di una causa ossia il rilascio del permesso di soggiorno a una donna e alla sua bambina.

La giudice onoraria gli rivolge quelle domande “sintomo di un retropensiero duro a morire”, scrive l’avvocato nel post su Facebook dove ha reso pubblica la disavventura nel Tribunale. “Comunque – dice alla fine – cara giudice (onorario) sono anche Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Napoli”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bolzano, caso Peter e Laura: l’amica di Benno: “È un assassino?”

Napoli, l’avvocato Sedu: “Giudice andrebbe rimosso”

Tribunale per i minorenni di Napoli, stamattina, giunto il mio turno per la discussione di una causa, il neo magistrato…

Pubblicato da Hilarry Sedu su Mercoledì 3 febbraio 2021

Il giudice onorario andrebbe rimosso“, sostiene l’avvocato, perché non è possibile che accadano cose del genere. Nella vicenda interviene Maurizio Barruffo, uno dei magistrati che da più tempo lavora in quell’ufficio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lutto Dayane Mello, com’è morto il fratello: reazione coinquilini – VIDEO

Prova a stemperare i toni sostenendo che si è trattato di un equivoco: “Conosco l’avvocato Sedu – dice – venga in ufficio e chiariremo tutto”. Afferma che non è un episodio di razzismo ma si è trattato di un malinteso. Queste parole a poco servono e sul web tutti esprimono solidarietà all’avvocato.