Covid, allarme dalla Cina: fiale con acqua salata al posto dei vaccini

0
263

In Cina è stato smantellato un vero e proprio traffico di falsi vaccini anti-Covid: sequestrate circa 3000 fiale e arrestate oltre 80 persone.

covid, vaccini contraffatti in cina
Kevin Frayer/Getty Images)

Al posto del siero anti-Covid, le fiale venivano riempite con acqua salata. Come riportato dall’agenzia di stampa locale Xinhua, un gruppo criminale organizzato gestiva da diverse città la vendita di falsi vaccini in Cina, generando un elevato guadagno illecito. La polizia di Pechino e delle province di Jiangsu e Shandong è fortunatamente riuscita a smantellare il traffico del siero fasullo e a sequestrare circa 3000 dosi. Più di 80 persone sono finite in manette.

L’operazione ha coinvolto diverse città del Paese. Secondo le indiscrezioni, la rete criminale aveva iniziato a operare dallo scorso settembre. Global Times ha reso noto che dalle indagini delle autorità è emersa la volontà dei criminali di inviare le fiale con acqua salata al posto dei vaccini anche oltre i confini della Cina. La destinazione finale del siero contraffatto sarebbe stata rintracciata, ma il numero totale delle fiale vendute non sarebbe ancora stato quantificato.

Ti potrebbe interessare anche -> Vendevano online presunti farmaci anti Covid: oscurati 102 siti

L’attenzione dell’Europol verso il traffico illegale dei farmaci

Non è la prima volta che dalla Cina arrivano notizie di questo tipo: già tre anni fa una nota azienda produttrice del Paese ricevette una multa di oltre 1 miliardo di dollari per la vendita di vaccini scadenti. L’Unione Europea è sempre stata particolarmente vigile sul tema della contraffazione. Nei mesi scorsi l’Europol aveva invitato a una maggiore attenzione tra Stati membri e Paesi terzi in merito a eventuali possibili infiltrazioni criminali nella distribuzione del siero anti-Covid.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid: trattamento Lilly con anticorpi monoclonali riduce ricoveri e decessi

Secondo un report dello scorso novembre il traffico di prodotti farmaceutici contraffatti o scadenti era tra i principali obiettivi della criminalità organizzata. La paura delle autorità europee è che i falsi vaccini possano circolare tra i canali alternativi a quelli ufficiali, come il dark web, sfruttando in maniera illegale i marchi delle aziende farmaceutiche. Secondo l’Europol il siero anti-Covid contraffatto rappresenta un serio rischio per la salute pubblica. Chiaramente non è il caso dei vaccini già approvati dall’Ema e attualmente somministrati dal personale medico ufficiale.