Quel gran pezzo dell’Ubalda: censura e curiosità sul film con Edwige Fenech

0
981

Quel gran pezzo dell’Ubalda, cosa c’è da sapere sul film del 1972 con la bellissima Edwige Fenech e Pippo Franco

Quel gran pezzo dell'Ubalda

Come molti film della diva Edwige Fenech la pellicola del 1972 provocò delle polemiche e non pochi malumori da parte della pudica società italiana di quegli anni che ancora non aveva accettato del tutto le rivendicazioni di libertà sessuale del 1968.

Il titolo per intero è Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda: molto lungo e che già dice molto sul genere e contenuto. Oltre alla bella attrice franco-italiana il protagonista maschile è Pippo Franco.

La trama: Olimpio de’ Pannocchieschi (Pippo Franco) torna nel suo paese dopo una guerra. Finalmente può riabbracciare Fiamma, sua moglie, che però non si può concedere a causa di un voto: dovranno passare 15 giorni dal ritorno del suo uomo. Nel frattempo l’ex soldato deve ritrovare la pace anche con il vicino, il mugnaio Mastro Oderisi. Questi si è risposato con la bella Ubalda Olimpio perde una cotta per lei: fa di tutto per conquistarla.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sanremo, Amadeus piazza il colpo: ecco chi condurrà Prim8aFestival

Quel gran pezzo dell’Ubalda: vietato agli under 18, poi i tagli

Come molti film della commedia sexy all’italiana, costò poco per produrlo, almeno a confronto con l’incasso al botteghino che per questo genere erano sempre altissimi: 90 milioni di lire spese, 640 milioni incassati al botteghino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stefano De Martino, drammatico lutto: addio a nonna Elisa

Ottenne il nulla osta della censura ma fu vietato ai minori di 18 anni per “scene scabrose con risvolti triviali“. Per trasmetterlo in televisione furono tagliati oltre un un metro e trenta centimetri di pellicola e così ottenne la visione per tutti, minorenni inclusi.