Covid-19, zona gialla e zona rossa: ecco come è divisa l’Italia

0
228

Covid-19, oggi 8 febbraio 16 regioni saranno zona gialla fatta eccezione per la Puglia, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano

Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

 

L’ultima settimana del DPCM di Conte sarà caratterizzata dal giallo. Infatti 16 regioni sono nella zona con minori restrizioni, fatta eccezione per Puglia, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano che saranno in zona arancione.

Ti potrebbe interessare anche->Governo Draghi: Salvini è dentro come nel dopoguerra

Covid-19, non mancano però alcune microaree in zona rossa

La maggior parte delle regioni in Italia, come detto, sono in zona gialla ma non mancano alcune microaree in zona rossa. E’ il caso dell’Alto Adige, della provincia di Perugia, in alcuni comuni del ternano, dell’Abruzzo e del basso Molise. In questi territori non è consentito uscire né spostarsi da un Comune all’altro eccezion fatta per le necessità.

Dopo il 15 febbraio toccherà al nuovo Governo Draghi varare nuove misure

“Sarà il nuovo governo a fare una valutazione, sulla base del quadro epidemiologico, sulla mobilità tra le Regioni – così il ministro uscente degli Affari regionali Francesco Boccia – nelle diverse fasce e in particolar modo in fascia gialla, anche perché eventuali misure limitative necessitano di un apposito decreto”.

Mario Draghi dovrà fare anche i conti con i lockdown generalizzati che sono stati imposti a causa della mutazione del Covid-19. In particolar modo si fa riferimento alla variante inglese ma anche a quella sudafricana e brasiliana.

Ti potrebbe interessare anche->Napoli, cade in campo e sbatte la testa: grave un calciatore 15enne

Da martedì, inoltre, inizieranno le somministrazioni del vaccino AstraZeneca per gli under 55 in buona salute, a partire da insegnanti e membri delle forze dell’ordine. Verrà completata anche la campagna di vaccinazione di sanitari e ospiti delle RSA. L’obiettivo, rivela l’Ansa, è quello di vaccinare 4 milioni e mezzo di persone entro fine aprile.

A Marzo si prevede che l’Agenzia europea del farmaco approvi il vaccino statunitense Johnson&Johnson, un vaccino monodose molto più facile da conservare e somministrare.

Ti potrebbe interessare anche->Roma, Covid al campo rom: positivi 48 bambini, un morto. I dettagli