Governo, il M5S decide con Rousseau il 10 e 11 febbraio

0
201

Governo Draghi, stabilita la data per il voto di fiducia dopo la riunione andata avanti tutta la notte. Da oggi nuove consultazioni

Movimento 5 stelle Reusseau
Getty Images

La settimana scorsa Davide Casaleggio aveva annunciato che c’era l’intento comune di far decidere alla base del Movimento se dare o meno la fiducia al governo Draghi. Dopo l’ufficialità è arrivata anche la data: gli iscritti alla piattaforma Rousseau esprimeranno il loro consenso ad appoggiare o meno l’ex Presidente della Bce dalle ore 13 di mercoledì 10 fino alle ore 13 dell’11 febbraio.

Questo è quanto deciso nell’assemblea dei parlamentari del Movimento che è cominciata nella tarda serata di ieri, alle 22.30, e si è protratta fino alle 2.15 di questa mattina, tutto ovviamente via web. Quattro ore dove l’ormai ex premier Conte ha anche annunciato di non voler far parte della nuova squadra di governo.

Dopo un primo giro di colloqui sono riprese oggi le nuove consultazioni del Presidente del Consiglio Incaricato Mario Draghi che in settimana dunque salirà al colle per sciogliere la riserva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Obama a Che Tempo Che Fa: “vivere alla Casa Bianca mi dava un senso di prigionia”

Governo, oggi e domani nuove consultazioni

Il giorno decisivo per la formazione del nuovo governo è domani. Oggi Draghi incontrerà i gruppi numericamente più piccoli il cui appoggio è anche quasi scontato.

Domani alle 11 incontro con il Gruppo Europeisti – Maie Centro Democratico del Senato e alle 11,45 toccherà a Liberi e Uguali di entrambe le camere prima di vedere Italia Viva Gruppo alla Camera e Italia Viva-PSI del Senato alle 12.30.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “E gli alberi votarono ancora per l’ascia”: il M5S continua a spaccarsi

Ecco poi i Gruppi Fratelli d’Italia della Camera e del Senato che hanno già annunciato il netto no al primo giro di consultazioni e nel pomeriggio ci sarà il Partito Democratico di entrambe le camere. Ecco poi l’incontro con Forza Italia e infine i gruppi dove potrebbero arrivare più sorprese: la Lega e il Movimento 5 Stelle che avrà già il risultato di Rousseau.