Lutto cinema: morto Jean-Claude Carriere, sceneggiatore Premio Oscar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
0
180

Un grave lutto oggi nel mondo del cinema: morto Jean-Claude Carriere, sceneggiatore Premio Oscar con “Il fascino discreto della borghesia”.

(VALERY HACHE/AFP via Getty Images)

Il leggendario sceneggiatore francese Jean-Claude Carriere, che ha scritto alcuni dei film più memorabili dell’ultimo mezzo secolo tra cui “Il tamburo di latta”, diretto da Volker Schlöndorff, tratto dall’omonimo romanzo di Günter Grass, vincitore della Palma d‘oro, e “Cyrano de Bergerac”, è morto all’età di 89 anni.

Leggi anche -> Coronavirus, morto Roberto Carradori: fondò una delle prime radio libere

Lo ha detto sua figlia all’AFP nelle scorse ore: lo sceneggiatore di lungo corso, conosciuto per il suo lavoro con Luis Bunuel e Milos Forman, è morto nel sonno ieri notte nella sua casa di Parigi, ha detto Kiara Carriere. Lo sceneggiatore Carriere ha creato una serie di scene memorabili e provocatorie.

Leggi anche -> Marina Suma oggi: cosa fa l’attrice di molte commedie

Chi era Jean-Claude Carriere, sceneggiatore da Oscar

Lo sceneggiatore francese, in particolare, ha vinto il Premio Oscar come miglior sceneggiatura con Luis Bunuel per il film “Il fascino discreto della borghesia”, del 1972. Inoltre, ha vinto il Leone d’Oro a Venezia, sempre per una pellicola di Bunuel, “Bella di giorno”. Il film del 1967 rivelò al mondo intero la bellezza e la bravura di Catherine Deneuve, una delle attrici francesi più amate di sempre.

Tra le sue altre pellicole sceneggiate, si ricordano ancora “Cyrano de Bergerac”, uscito nel 1990, per il quale Gerard Depardieu ha dato vita a una delle performance della sua carriera, e l’adattamento di “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, film del 1988 tratto dal romanzo di Milan Kundera, con Daniel Day-Lewis. Quest’ultimo film ottenne una nomination per un altro Oscar per la sua sceneggiatura. Infine, ha vinto un César francese nel 1983 per la migliore sceneggiatura originale con “Il ritorno di Martin Guerre”, con Depardieu. Nel 2014, ha ricevuto l’Oscar alla carriera.