Morto Chick Corea, leggendario pianista jazz: ecco chi era e le cause

0
53

Lutto nella musica internazionale, morto Chick Corea, leggendario pianista jazz: ecco chi era e le cause del suo decesso.

(screenshot video)

Chick Corea, il virtuoso tastierista che ha letteralmente cambiato la storia del jazz durante una carriera che dura da più di cinque decenni, è morto martedì a causa di una rara forma di cancro. Un post sulla sua pagina Facebook ha confermato la notizia. Il pianista jazz amatissimo anche in Italia aveva 79 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Walter Zenga, chi sono i genitori: dramma da bambino

All’inizio degli anni Sessanta, Corea si è affermato come pianista di serie A, lavorando con Stan Getz, Herbie Mann e altri. Più tardi nel decennio, si è unito alla band di Miles Davis. Con il trombettista ha a lungo collaborato e ha contribuito anche egli alla sua fama straordinaria, che va ben oltre la sua vita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lutto in tv: Katherine Creag morta, dramma nel giornalismo

La leggendaria carriera di Chick Corea

Tra gli altri, ha suonato in dischi del maestro trombettista Miles Davis come lo storico “Bitches Brew”, uno degli album che ha contribuito a far conoscere il jazz nella cultura pop. Successivamente, ha formato la sua band elettrica rivoluzionaria, Return to Forever, dando vita di fatto a quel genere musicale che oggi è noto come fusion. Diversi furono successivamente i suoi progetti discografici.

Lo ricorda il sito di Rolling Stone, che sottolinea come Chick Corea diede vita a molte collaborazioni leggendarie, dal duo con il vibrafonista Gary Burton alla sua trendy Elektric Band. Il suo album più recente, il disco solista dal vivo del 2020 Plays, è probabilmente quello più riuscito di una carriera in continua evoluzione. Di recente, aveva ricordato: “Quello che fa la musica per le persone è stimolare ciò che è naturale in tutti noi. È un senso innato, in ogni persona. Non devi essere un professionista per nulla: tutto ciò che devi fare è essere un essere umano vivente e aperto al gioco dell’immaginazione”.