Walter Zenga, chi sono i genitori: dramma da bambino

0
543

Walter Zenga, ieri sera dalla D’Urso ha parlato della madre e del padre. Dopo l’incontro con il figlio scontro con Alda D’Eusanio

(screenshot video)

Walter Zenga continua ad avere l’attenzione mediatica su di lui. L’ex portiere è sempre un po’ stato al centro della cronaca non solo sportive per le sue prodezze tra i pali ma anche quella rosa. Alle spalle ha tre matrimoni, interrotti da varie relazioni.

Non sono poche le donne avute dall’allenatore ex Cagliari (la sua ultima esperienza) e alcune in questi mesi sono tornate a parlare in merito a vicende di oggi come quella del suo rapporto con Andrea, il figlio concorrente del Grande Fratello Vip.

Ieri sera a Live – Non è la D’Urso il portiere di Italia ’90 ha fatto una rivelazione sconvolgete: da piccolo fu abbandonato dai genitori. Fece in tempo a salutare il padre.

Ha raccontato che in vista di una partita il fratello gli fece una telefonata per fargli l’imbocca al lupo e per dirgli del padre. Dopo la gara, di domenica, si precipitò dal genitore che gli fece i complimenti per la gara. Il giorno dopo purtroppo morì.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Angela Baldassini, ex moglie di Gino Bramieri: cosa è successo con Lucia

Walter Zenga contro la D’Eusanio: cos’è successo

Ora c’è ancora un’altra questione per Zenga e riguarda Alda D’Eusanio, nuova concorrente arrivata nella casa del Grande Fratello Vip. Dopo l’incontro tra Andrea e il padre per chiarire le tante cose dette indirettamente in queste settimana, il ragazzo si è dato a un pianto liberatorio.

Consolato dai coinquilini, la D’Eusanio ha detto cose che all’allenatore non sono andate molto bene. Per confortare Andrea ha detto che Dio ci manda gli amici per scusarsi dei parenti che ci ha dato. Il riferimento era chiaro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Andrea Matarazzo, campione a L’Eredità: “Lei sarebbe orgogliosa…”

Zenga ha detto che “se ne assumerà le responsabilità“. Frase che da molti sul social è stata interpretata come la volontà di adire alle vie legali.