Antonella Viola, la celebre immunologa: chi è e cosa fa

0
201

Cosa sapere su Antonella Viola, la celebre immunologa: chi è e cosa fa nella vita, emergenza Covid e cosa ha detto.

(screenshot video)

Laureata in Scienze biologiche all’Università di Padova, dove ha conseguito anche il titolo di dottore di ricerca, l’immunologa Antonella Viola è nata nel 1969 a Taranto. Subito dopo aver ottenuto il dottorato di ricerca, ha anche frequentato il suo postdottorato al Basel Research Institute di Basilea, in Svizzera.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, Antonella Viola smonta il vaccino AstraZeneca: “Io non lo avrei scelto”

Successivamente, è stata direttrice del laboratorio di Immunità adattativa presso Humanitas-Università di Milano. Professore Ordinario di Patologia Generale presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova, la Viola è anche Direttrice Scientifica dell’Istituto di Ricerca Pediatrica.

Ti potrebbe interessare anche -> Covid, variante sudafriacana: AstraZeneca poco efficace, Oms in allerta

Cosa sapere su Antonella Viola, celebre immunologa

Presso Humanitas-Università di Milano, Antonella Viola coordina un gruppo di ricerca dedicato allo studio del sistema immunitario. Inoltre, nel corso della sua ormai lunga carriera, ha coordinato diversi progetti di ricerca nazionali, europei e americani. Membro del comitato scientifico dell’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, ha ottenuto svariati riconoscimenti per il suo impegno nella ricerca. Viene considerata tra le migliori nel suo campo di ricerca, non solo a livello nazionale.

Nel corso della seconda ondata dell’epidemia, a febbraio 2021, ha più volte lanciato un allarme sui rischi derivanti dalle varianti del Covid-19: “Sono tutte pericolose, chi è guarito potrebbe infettarsi una seconda volta”, ha infatti affermato in diversi interventi pubblici la celebre immunologa Antonella Viola. A SkyTg24 ha anche lanciato un allarme riguardante i più piccoli: “Anche i bambini che finora erano stati protetti possono essere a rischio. Sono preoccupata, perché non abbiamo vaccini per i bambini e fino ai 16 anni non possiamo proteggerli”.