Lazio-Sampdoria 1-0, gol di Luis Alberto: Tabellino e Highlights

0
98

Il centrocampista spagnolo decide un match sofferto con una rete al 24′

Lazio-Sampdoria: Tabellino e Highlights

Lazio-Sampdoria 1-0, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Lazio-Sampdoria: Tabellino e Highlights – La Sampdoria allenata da Claudio Ranieri fa visita allo Stadio Olimpico alla Lazio di Simone Inzaghi, nel tentativo di bissare il successo del girone d’andata. Rispetto a ottobre i biancocelesti sono però in tutt’altro stato di forma, ora che hanno ritrovato ritmo e costanza per poter puntare alla zona Champions. Prima dell’ottavo di finale proibitivo contro il Bayern Monaco i padroni di casa possono però allungare in classifica, conquistando tre punti preziosi per la classifica di Serie A. Ranieri decide di giocarsi le sue carte schierando Ramirez alle spalle della coppia d’attacco Quagliarella-Keita. Inzaghi punta invece su bomber Immobile, che ha trovato nel corso della sua carriera i blucerchiati come principale vittima alla quale far gol. In coppia con il bomber, l’altra punta Correa, mentre i titolari del resto della squadra sono riconfermati senza turnover, ad eccezione di Lulic che gioca sulla sinistra al posto di Marusic. Il compagno di squadra è stato invece spostato dal tecnico dei biancocelesti a destra perché è squalificato Lazzari. Per quanto equilibrata, la partita viene subito segnata dalle prestazioni delle due mezzali della formazione di casa Luis Alberto e Milinkovic-Savic, che mettono in difficoltà con la loro tecnica la retroguardia della Samp, con lo stesso Immobile costante minaccia in avanti. I blucerchiati rispondo con qualche giocata di Quagliarella in avanti, ma la difesa laziale è brava e attenta nel neutralizzare lui e il resto del reparto offensivo doriano.

Il vantaggio

Dopo qualche occasione da entrambe le parti sono proprio i biancocelesti più in forma a fare la differenza anche nel punteggio, perché Milinkovic riesce a servire sul filo del fuorigioco Luis Alberto, che scatta appena dietro la linea della posizione di Colley, che invece aveva seguito in ritardo i compagni della linea di difesa. Il centrocampista spagnolo riesce così a incrociare con un tiro che batte il portiere blucerchiato Audero, portando la Lazio in vantaggio al 24′. Da questo momento, almeno fino alla parte finale del primo tempo, saranno i padroni di casa a dominare il gioco, con la Samp che è costretta ad arretrare e ad abbassare il baricentro. Alla fine della prima frazione di gioco gli uomini di Ranieri sapranno reagire, facendo qualche tentativo dalle parti di Reina, ma non riusciranno a creare particolari difficoltà e pensieri alla difesa biancoceleste. Si va così negli spogliatoi sul risultato di 1­-0, con Immobile che in altre due chance, sia di destro che di sinistro, non riuscirà a segnare ancora una volta alla squadra di Serie A alla quale ha segnato più volte. La partita comunque appare già indirizzata a favore della squadra di casa in virtù dei suoi uomini migliori e più rappresentativi.

La ripresa

Le squadre rientrano in campo dopo l’intervallo che Ranieri già ha deciso di inserire Jankto e Bereszynski al posto di Yoshida e Ramirez per dare maggiore brillantezza alla formazione blucerchiata a anche maggiore mordente in fase offensiva nel tentativo di acciuffare il pareggio. Dopo circa otto minuti di gioco anche Inzaghi opta per un doppio cambio, richiamando in panchina Correa e Lulic, facendo avanzare Luis Alberto e inserendo Fares e Akpa Akpro. Per evitare di abbassare troppo il baricentro, poco dopo il tecnico biancoceleste decide però di far riposare i suoi pezzi da novanta pensando alla partita in Champions League con i tedeschi. Dentro allora Muriqi ed Escalant, anche nella logica di provare a tenere il pallone nella metà campo avversaria, dato che il vantaggio è ancora minimo, solo 1-0 al 64′. Immobile ha un’altra occasione preziosa, ma quasi per eccesso di altruismo cerca con un assist i compagni in area, ma non riesce a far arrivare loro il pallone, con la difesa doriana che riesce a contenere il bomber laziale. Ben più clamorosa l’occasione per il subentrato Muriqi, che ha sui piedi la clamorosa chance del 2-0, ma da solo davanti ad Audero non riesce a colpire bene il pallone, sbagliando la traiettoria del tiro quasi di novanta gradi. A questo punto, nel tentativo di trovare qualche soluzione alternativa, Ranieri decide di inserire il giovane talento danese Damsgaard alo posto di Keita, ma rischiando di allontanare i suoi dalla porta di Reina. La Samp riesce nonostante questo ad alzare bene il baricentro, per tentare l’assalto negli ultimi minuti di partita, ma la Lazio può tranquillamente fare affidamento sui suoi tre difensori, molto attenti in ogni circostanza di potenziale pericolo. Non solo Acerbi, ma anche Musacchio e Patric si sono distinti con buoni disimpegni. Per gli ultimi dieci minuti Ranieri rischia anche Torregrossa, ma pur rimanendo costantemente in posizione offensiva, la Samp non riesce ad avere la meglio sulla difesa dei padroni di casa. C’è un’azione dubbia nella quale Musacchio è costretto a intervenire su Quagliarella, con il rischio di commettere fallo da rigore e l’attaccante blucerchiato atterrato in area, ma nonostante il controllo del Var l’arbitro Massa non assegna il penalty a alla squadra ospite. Pensando sempre alla Champions League Inzaghi sostituisce anche Immobile, per fargli lasciare il posto a Caicedo. Nel finale i biancocelesti sono più speti rispetto agli avversari, ma in avanti la Sampdoria non sembra in grado di creare grandi pericoli. Nonostante le atante azioni e il gioco creato, i tiri verso la porta di Reina latitano, anche se la squadra di Ranieri rimane costantemente nelle metà campo degli avversari. Sembrano più gli uomini di Inzaghi a farsi condizionare dalla possibilità di subire il pareggio nel finale, così sembrano in gran parte dei tentativi di contropiede in una condizione confusionale. Le occasioni per chiudere i conti non mancano, ma è soprattutto Milinkovic-Savic, dopo un ottimo primo tempo, a sbagliare due clamorose opportunità. Per la seconda bastava solo un passaggio facile un po’ più preciso a favore di Muriqi da solo in area, ma la misura completamente sbagliata del serbo regala il pallone a Colley, che di fatto già si sentiva impotente. Tra la sterilità offensiva della Sampdoria e gli errori dei biancocelesti nel finale, la partita termina così sul risultato di 1-0, nonostante i quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro Massa.

 

Potrebbe interessarti anche -> AusOpen 2021: Osaka torna regina a Melbourne

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Lazio-Sampdoria: Tabellino e Highlights

Reti: Luis Alberto 24′

Lazio (3-5-2): Reina, Musacchio, Acerbi, Patric, Lulic (Fares 56′), Luis Alberto (Muriqi 64′), Leiva (Escalante 64′), Milinkovic-Savic, Marusic, Correa (Akpa Akpro 56′), Immobile (Caicedo 86′).
Allenatore: Simone Inzaghi

Lazio (3-5-2): Audero, Colley, Yoshida (Bereszynski 46′), Ferrari, Augello, Ekdal, Silva, Candreva (Torregrossa 81′), Ramirez (Jankto 46′), Quagliarella, Keita (Damsgaard 67′).
Allenatore: Claudio Ranieri

Arbitro: Davide Massa

Ammoniti: Silva, Lulic, Ekdal, Colley, Marusic, Escalante, Patric

Espulsi:

Highlights QUI