Buon compleanno Mr Grape, trama e curiosità del film con Depp e DiCaprio

0
668

Buon compleanno Mr Grape, uno dei primissimi film di Leonardo di Caprio in un ruolo non proprio facile. Depp è suo fratello maggiore

Buon compleanno Mr Grape
Screen Film

Era il 1993 quando negli Stati Uniti uscì Buon compleanno Mr Grape. Leonardo Di Caprio aveva solo diciannove anni e ottenne subito un gran successo, la notorietà del predestinato. Fu infatti candidato agli Oscar come miglior attore non protagonista.

Con lui anche Johnny Depp che tre anni prima aveva già girato Edward mani di forbice. Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Peter Hedges. Gilbert Grape (Johnny Depp) si occupa del fratello minore Arnie (Leonardo Di Caprio). La madre dei due è obese, passa le giornate a mangiare sul divano e a guardare la tv e così l’intera responsabilità della famiglia è sulle spalle di Gilbert da quando il padre sette anni prima si è suicidato.

Gilbert lavora nella drogheria della città e ha anche una vita al di fuori della casa e del lavoro: ha una relazione con una donna sposata che significa comunque avere dei problemi perché costringe ad essere nascosti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lana Del Rey stava per lasciare la musica: ecco le sue ragioni

Buon compleanno Mr Grape, la trama

Quando sta per arrivare il diciottesimo compleanno di Arnie qualcosa cambia nella vita del fratello maggiore. In città per caso arriva Becky che si ferma con sua nonna. È giovane, è bella, e il ragazzo ne resta affascinato anche perché a causa di eventi maggiori la sua amante va a vivere in un altro posto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> PresaDiretta: 22 febbraio, le anticipazioni della nuova puntata

La ragazza comincia a frequentare i due fratelli e tra amore reciproco, sensi di colpa e tensioni, il rapporto diventa la storia del film. La mamma dei due fratelli dopo sette anni riesce anche a uscire di casa grazie a Arnie. Il film, come il libro, su un successo e per chi è stato adolescente nella prima metà degli anni ’90 è certamente un ricordo della propria gioventù