Danielle Marzejka uccisa col fidanzato: la verità sconcertante

0
249

Il caso di Danielle Marzejka uccisa col fidanzato Seren Bryan: la verità sconcertante, il fratello condannato all’ergastolo.

Danielle Marzejka uccisa col fidanzato

Robert Leo Marzejka trascorrerà il resto della sua vita in prigione. Un anno fa, il giudice del tribunale della contea di Macomb, James Biernat, ha condannato il giovane uomo, 26 anni, all’ergastolo senza condizionale per aver ucciso sua sorella, Danielle Marzejka, 18 anni, e il suo fidanzato, Seren Bryan, 19 anni. Si tratta di uno dei “crimini in diretta” trasmessi da Discovery Channel in Italia.

LEGGI ANCHE >>> Heather Elvis, un giallo ancora aperto: cosa è accaduto

Il 22 novembre 2019, a seguito di un processo durato circa una settimana, una giuria ha dichiarato l’imputato colpevole di omicidio di primo grado. Il caso risale all’agosto 2018, quando i corpi delle vittime sono stati scoperti in sacchi della spazzatura in un capannone fuori dalla casa della famiglia Marzejka a Clinton Township. Il principale sospettato lasciò la città in seguito agli omicidi e alla fine fu catturato in Ohio

LEGGI ANCHE >>>Dawn Sandoval, crimini in diretta: la donna trovata morta dalla polizia

Perché Robert Leo ha ucciso sua sorella Danielle Marzejka e il fidanzato?

Diane Bryan, madre di Seren, al processo era in piedi su un podio durante la sentenza, trattenendo le lacrime mentre parlava della bontà di suo figlio. Ha detto che dal giorno in cui è nato nel 1998, suo figlio era stato nel suo cuore e nei suoi pensieri ogni giorno. Il suo primogenito aveva 19 anni e “al confine dell’età adulta”, ha detto con forte convinzione. Poi ha aggiunto che era “una persona sensibile e di buon cuore” che avrebbe fatto qualsiasi cosa per chiunque.

La donna ha anche raccontato il dolore della figlia, sorella minore di Seren, di come è cambiata la visione del mondo di sua figlia, di come i suoi voti a scuola hanno sofferto in seguito. Mentre la signora Bryan ha riconosciuto di avere forse altri 30 anni sulla Terra per affrontare il suo dolore, sua figlia ha ancora una vita davanti. Il fratello dei Marzejka, Kevin, ha rifiutato di parlare. Aveva testimoniato durante il processo. Il giudice ha chiesto all’imputato se aveva qualcosa da dire. Marzejka ha detto: “No”. L’avvocato difensore di Marzejka, Azhar Sheikh, ha tirato in ballo durante il processo presunti problemi di salute mentale del suo assistito. Non è mai stato chiarito dall’imputato un movente per il duplice delitto che ha compiuto.