Vaccino, morte docente di Biella: non c’è correlazione

Vaccino, il docente è morto per improvvisi problemi cardiaci. L’esame autoptico ha evidenziato che non esiste nesso con la dose

Vaccino Astra Zeneca
Sandro Tognatti (foto Facebook)

Tra i tanti casi di morte da verificare dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca c’era quello il docente d Biella Sandro Tognatti. L’uomo era deceduto diciassette ore la prima dose e oggi è arrivato il responso dell’esame autoptico. La causa è stata un problema cardiaco improvviso.

Dunque nulla che abbia a che fare con il vaccino. Nel frattempo si continua a indagare sugli altri cedessi avvenuti in Italia e nel mondo mentre ieri l’Agenzia Italiana del Farmaco ha sospeso le vaccinazioni con AstraZeneca in via precauzionale. Nelle stesse ore anche altri paesi come Francia e Germania avevano preso la stessa decisione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Royal Family: il principe Filippo dimesso oggi dall’ospedale, come sta

Vaccino, nessun nesso con la morte del docente: non ci sono trombi

La Procura di Biella aveva sospetto il lotto la cui dose del docente faceva parte, sequestrando le fiale in tutta Italia. Il sospetto era che il vaccino avesse potuto provocare una trombosi ma il medico legale che ha eseguito l’esame, in presenza di un consulente nominato dalla famiglia, non ha evidenziato trombi.

Il cuore e altri organi hanno presentato un normale stato di salute ma nei prossimi giorni si saprà di più. Si svolgeranno gli esami istologici e i risultati dovrebbero arrivare nella settimana corrente.

Anche la moglie, insegnante come lui, aveva ricevuto il vaccino lo stesso giorno. Amici e familiari – alcuni anche loro vaccinati – non hanno presentato problemi di salute e hanno dichiarato che Tognatti era in salute e non aveva nessun particolare problema.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, l’Europa: “Nessun legame con le trombosi”

Il vaccino lo hanno ricevuto anche gli anziani genitori dell’uomo e la figlia, giovane insegnante alle scuole elementari. Per fortuna tutti stanno bene. Come ha evidenziato anche l’Ema, le morti dopo il vaccino sono state pochissime su milioni di persone. Dati che avvalorano la tesi che non ci sia correlazione tra il siero e il decesso.