Daniele De Rossi torna in Nazionale: sarà nello staff con Mancini

0
435

De Rossi a breve firmerà il contratto: “Ringrazio il Ct e Gravina per la fiducia”. Tante le avventure dell’ex Roma con la maglia azzurra

Daniele De Rossi
Daniele De Rossi durante un allenamento con la Nazionale nel novembre 2017 (Getty Images)

Dopo aver lasciato il calcio giocato lo scorso anno e la sua amata Roma nel 2019, l’ex centrocampista campione del mondo Daniele De Rossi torna nel calcio ma con un altro ruolo. Farà parte dello staff del Commissario tecnico Roberto Mancini per gli Europei che saranno inaugurati proprio all’Olimpico di Roma, nel suo stadio.

“Orgoglioso di iniziare questa nuova avventura con la Nazionale”, ha detto ringraziando il Ct Mancini e il presidente federale Gabriele Gravina. L’ex capitano della Roma continuerà a studiare per diventare allenatore e l’esperienza che si appresta a cominciare sarà a dir poco formativa.

Ha feeling e fiducia con Mancini ed è speciale il rapporto con la maglia azzurra della Nazionale con la quale ha scritto pagine di storia importanti. Non solo la più bella ma anche il punto più basso con la mancata qualificazione ai mondiali russi del 2018.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Van Basten, accuse pesanti al Napoli: “Rubato lo scudetto del 1990”

Daniele De Rossi, in azzurro da campione del mondo alla debacle con Ventura

L’espulsione di De Rossi durante i mondiali del 2006 (Getty Images)

De Rossi era in panchina quando in quella famosa e maledetta sfida a San Siro con la Svezia nel novembre 2017 – i play-off validi per l’accesso al Mondiale – gli fu detto di entrare e lui, polemicamente, rispose che avrebbero dovuto farlo gli attaccanti, obbedendo comunque agli ordini del contestatissimo Ct Giampiero Ventura.

Con la Nazionale oltre ad alzare la Coppa del Mondo a Berlino il 9 luglio 2006 ha vinto un europeo Under 21 e un bronzo olimpico. In quel mondiale fu protagonista anche in negativo quando nella seconda gara diede una gomitata allo statunitense a McBride.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Shakthar-Roma, dove vederla. Vietato distrarsi

Fu sanzionato con l’espulsione e quattro turn di squalifica. Rientrò per la semifinale con la Germania (che non giocò), ma fu protagonista in finale contro la Francia segnando uno dei cinque rigori.