Le previsioni meteo del 21 marzo, la Primavera è lontana: pioggia e neve a bassa quota

0
297

La Primavera è davvero lontana, il flusso di aria fredda che da venerdì 19 sta penetrando nel Paese entrerà sull’Italia in maniera completa portando con sè una domenica invernale: temperature in netta discesa, pioggia e neve a bassa quota, sono queste le principali previsioni meteo per il 21 marzo.

Previsioni Meteo 21 Marzo Primavera

Il bollettino ufficiale del Dipartimento Nazionale per la Protezione Civile, emesso nella tarda serata di sabato 20 marzo, e valido per tutta domenica 21 marzo indica un’allerta meteo di livello arancione sulla Sicilia ed un’allerta di livello giallo su Basilicata, Calabria e nel Basso Fortore in Puglia. Il resto della cartina dell’Italia è verde e non sono attive altre allerta.

Primavera lontana: le previsioni meteo dell’Aeronautica Militare del 21 marzo

Il bollettino ufficiale del servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare emesso la sera del 20 marzo indica nel dettaglio le previsioni per oggi domenica 21 marzo nei singoli settori del Paese.

Nord Italia: – Cielo molto nuvoloso, con addensamenti sull’Emilia Romagna e sulle Alpi quota neve fino ai 300 metri. .

—>>> Ti potrebbe interessare anche Coreplay: la scuola in gioco per salvare l’ambiente

Centro Italia e Sardegna: – Cielo da nuvoloso a molto nuvoloso su Marche, Abruzzo e Lazio dove nelle zone appenniniche sono previste precipitazioni sparse, anche nevose, fino ai 400  metri. Da poco nuvoloso a nuvoloso sul resto del settore, in particolare sulla Sardegna con locali rovesci nella parte centrale delle Domenica.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Gli italiani puntano sugli elettrodomestici “green”

Sud Italia e Sicilia: – Allerta meteo di livello arancione sulla Sicilia e allerta meteo di livello giallo su Basilicata, Calabria e nel Basso Fortore in Puglia. Molto nuvoloso e coperto su tutte le altre regioni con piogge diffuse fino a carattere di rovescio. Nevicate lungo l’Appennino fino a quota 500 metri. Le temperature minime e le massime sono in netto calo su tutto il territorio nazionale.