Giovanni Scifoni torna con Leonardo: carriera e curiosità sull’attore

0
281

Cosa sapere su Giovanni Scifoni, che stasera torna in tv con la fiction con Leonardo: carriera e curiosità sull’attore.

Dopo aver recitato il ruolo di Enrico di Doc-Nelle tue mani, Giovanni Scifoni – attore molto apprezzato in Italia – torna in televisione questa sera con un nuovo importante impegno. Infatti, sarà protagonista anche lui della serie televisiva evento della Rai, Leonardo, sulla figura del grande Leonardo Da Vinci.

Leggi anche –> Giovanni Scifoni papà di 3 figli: chi è Enrico di Doc-Nelle tue mani

Classe 1976, nato a Roma, quarto di sei figli, Giovanni Scifoni sin da giovanissimo si interessa di spettacolo. A 22 anni, si diploma presso l’Accademia nazionale d’arte drammatica. Da quel momento in poi diventa uno degli attori teatrali della nuova generazione più amati.

Leggi anche –> Doc – Nelle tue mani: la storia vera di Pierdante Piccioni

Cosa sapere su Giovanni Scifoni: il suo rapporto con la fede

(screenshot video)

Il suo debutto nella fiction è di quelli importanti: nel 2003 interpreta il ruolo di Berto in La meglio gioventù, regia di Marco Tullio Giordana, quindi un paio di anni dopo è protagonista della miniserie Mio figlio, regia di Luciano Odorisio. Attore molto credente, collabora e partecipa a trasmissioni e produzioni di Tv2000. Sposato con Elisabetta, l’amatissimo attore di fiction italiane è papà di tre figli. La sua vita privata resta molto riservata.

“Vengo da una famiglia religiosa che mi ha dato in eredità l’amore per il Vangelo e, seppur fra mille dubbi e crisi, la fede è stata un elemento costante nella mia vita”, ha raccontato in un’intervista a ‘Io Donna’ di qualche mese fa, Giovanni Scifoni, aggiungendo poi: “Spesso mi sveglio completamente ateo, non trovo il senso… Ed è la preghiera quella che mi viene in soccorso. Non credo per “convinzione”: la fede è strapiena di contraddizioni, non si tratta di capire bensì di essere innamorati. E l’innamoramento come avviene? Attraverso una relazione seria: la relazione si sviluppa con la preghiera”.