Monastier, 18enne in moto si schianta contro un albero e muore sul colpo

0
160

Tragedia a Monastier, dove un ragazzo di 18 anni ha perso la vita in seguito a un incidente in moto: si è schiantato contro un albero ed è morto sul colpo. Il paese è in lutto.

monasiter, 18enne in moto muore sul colpo in un incidente
(Facebook)

Nel pomeriggio di ieri, martedì 23 marzo, un 18enne è morto in seguito a un tragico incidente stradale a Monastier, un piccolo comune in provincia di Treviso. Il giovane era bordo della sua moto, una Benelli 300 cc, quando improvvisamente, mentre percorreva via Pellegrini ha perso il controllo delle mezzo, uscendo di strada alla destra della carreggiata e andando a schiantarsi contro un albero.

Il colpo è stato fatale: quando il personale del 118 è giunto sul posto dell’incidente non c’è stato nulla da fare e il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso del ragazzo. Per procedere con i rilievi di legge e ricostruire la dinamica della tragedia è intervenuta la Polizia locale, che ha accertato il mancato coinvolgimento di altri mezzi, stabilendo che il 18enne è uscito di strada autonomamente.

Ti potrebbe interessare anche -> Omicidio Khrystyna Novak, dopo 4 mesi arrestato un 51enne: i dettagli

Il dolore di Monastier per la scomparsa del giovane

La vittima, che si chiamava Angelo, era diventata maggiorenne di recente, aveva da poco ottenuto il foglio rosa e studiava per diventare parrucchiere. Alla notizia della tragedia l’intera comunità di Monastier è rimasta sotto choc. L’incidente è avvenuto poco dopo le 16: a comunicare la morte del ragazzo ai genitori è stata la sindaca Paola Moro insieme alla comandante della Polizia locale Barbara Ciambotti.

Ti potrebbe interessare anche -> Treviso, 26enne accoltellata in strada: fermato l’aggressore

Il 18enne vittima del tragico incidente era figlio unico. La prima cittadina ha sottolineato a Treviso Today che la famiglia del ragazzo è conosciuta e ben inserita nel paese: “Si tratta di una grande tragedia – ha detto – ci uniamo al loro dolore”.