Canale di Suez: cargo bloccato, 280 navi in attesa

Ancora disagi per il cargo arenato nel canale di Suez: il blocco del traffico marittimo sta provocando diverse difficoltà e più di 280 navi attendono che la situazione si risolva per riprendere la navigazione. Disincagliare il portacontainer non sarà facile e forse ci vorranno giorni o settimane.

(Photo by Scott Nelson/Getty Images)

Un incidente del genere non era mai successo (fortunatamente senza feriti né gravi conseguenze ambientali). Il canale di Suez è ancora bloccato dalla nave cargo e la situazione inizia progressivamente a farmi più complessa: le autorità egiziane rimangono comunque fermamente convinte del fatto che “entro 48-72 ore al massimo” la situazione possa essere risolta ma la realtà sembra un po’ diversa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lancio di missili da parte della Corea del Nord: preoccupazioni a Seul

La portacontainer “Ever Given” è da martedì insabbiata, forse la tempesta di sabbia, forse una manovra, forse fatalità. Rimane il fatto che dal canale passa circa il 12% del traffico commerciale mondiale e che il danno calcolato è di circa 9,6 miliardi al giorno, motivo che sta spingendo, e non poco, le autorità locali e non solo, a fare tutto il possibile per risolvere il disagio. Da martedì l’Autorità egiziana del Canale di Suez (SCA) sta cercando con tutti i mezzi di liberare la nave che ha a bordo un peso di oltre 220.000 tonnellate, altri rimorchiatori dovrebbero arrivare entro domani. Al momento preoccupa il ritardo nella consegna di petrolio e di altri prodotti e quindi le conseguenze economiche che potrebbero derivarne, come l’aumento del greggio (già al +6%).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> ‘Giornata Mondiale del Teatro’: anche quest’anno a porte chiuse

Al momento gran parte del lavoro è stato già effettuato, sono stati rimossi 17.000 metri cubi di sabbia nell’area attinente alla prua della Ever Given. Né il lavoro dei potenti rimorchiatori, né il lavoro gli scavi sono riusciti a tirar fuori la cargo. Adesso si attende anche l’arrivo del team che collaborò al recupero della Costa Concordia: ma ad aiutare a sbloccare la situazione potrebbe essere anche l’arrivo dell’alta marea che coordinata con le operazioni di disancoramento potrebbe far uscire dall’insabbiamento la cargo e il suo incredibile carico. Basti pensare che la nave in questione è lunga 400 metri e raggiunge una larghezza di quasi 60 metri.