Sergio Alvarez, i crimini dell’ex poliziotto e la denuncia della moglie

0
124

I protagonisti di Chi diavolo ho sposato, su Discovery Channel: Sergio Alvarez, i crimini dell’ex poliziotto e la denuncia della moglie.

(screenshot video)

L’ufficiale di polizia di West Sacramento Sergio Alvarez è stato condannato nel 2015 per episodi davvero sconcertanti. Rachel Alvarez pensava che suo marito Sergio avesse trovato la sua vocazione quando ha intrapreso la carriera di poliziotto. Poi, un giorno, la polizia è arrivata alla sua porta con un mandato. Ha così appreso che quell’uomo aveva una doppia vita ed era accusato di stupro da una mezza dozzina di donne.

LEGGI ANCHE –> Heather Elvis, un giallo ancora aperto: cosa è accaduto

Questo è uno dei casi trattati dal format Chi diavolo ho sposato?, trasmissione televisiva dedicata a episodi criminali commessi all’interno di un matrimonio. Il format è andato in onda e va in onda su Discovery Channel, nello specifico su Nove e su Real Time. La doppia vita di Sergio Alvarez ha quindi sconvolto sua moglie Rachel. Solo dopo quanto accaduto, la donna ha capito diverse cose delle quali era ignara.

LEGGI ANCHE –> Mandy Boardman: il suo marito l’ha drogata e violentata, la vicenda

La doppia vita di Sergio Alvarez: chi ha sposato Rachel?

Qualche tempo dopo la condanna, la polizia cittadina ha scelto di pagare $ 2,8 milioni a quattro delle sue vittime. “Con la conclusione dei procedimenti penali e civili, il dipartimento di polizia di West Sacramento è sollevato dal fatto che gli aspetti legali di questo orribile evento siano stati risolti”, ha detto dopo la sentenza civile Bruce Kilday, un avvocato che rappresenta la città. Ma il caso di Sergio Alvarez è sicuramente uno di quelli che ancora oggi fanno molto riflettere.

Il poliziotto, all’epoca dei fatti, è stato accusato di depredare prostitute, tossicodipendenti e altre donne, descritte in tribunale come “emarginate”, che riteneva non avrebbero denunciato le sue aggressioni. I fatti avvennero all’incirca tra il 2011 e il 2012 e l’uomo abusò della sua posizione di poliziotto per compiere atti gravissimi. Una delle vittime ha denunciato la sua aggressione alla polizia nel settembre 2012 e Alvarez è stato incriminato e arrestato nel 2013 dopo un’indagine. 18 i capi di imputazione pendenti nei suoi confronti e ben 205 gli anni di carcere che gli vennero comminati.