Tennis: Finale Miami, dove vederla. Sinner a caccia di gloria

0
142

L’altoatesino può vincere il suo primo Master 1000, ma deve battere l’amico-rivale Hurkacz

Tennis Miami, dove vederla

Tennis Miami, dove vederla

 Tennis Miami, dove vederla – Può essere il torneo della svolta, non proprio per le aspettative , ma certamente a livello di titoli e risultati in carriera. Per il 19enne altoatesino Jannik Sinner è giunto il momento di iniziare a raccogliere tra i più forti quanto ha finora seminato. Nessuno aveva dubbi sul suo talento e di quanto potesse far bene all’interno del circuito, ma di certo la finale di un Master 1000 blasonato come quello di Miami rappresenta la prima vera sfida che metterà alla prova le sue qualità, quelle che finora ci hanno fanno conoscere un tennista concreto nel suo gioco e capace di mantenere la migliore solidità psicologica anche di fronte ai momenti no di una partita, quelli che decisamente fanno la differenza, perché ti permettono di fare punto proprio quando un match può volgere a tuo favore o sfavore, dato che non tutti i punti sono uguali. Questa sera sarà l’avversario Hubert Hurkacz l’ultimo ostacolo tra Sinner e il primo più importante successo in carriera (diretta tv dalle 19 su Sky Sport Arena). L’azzurro dai capelli rossi ha tutte le carte in regola per vincere questa finale, perché al suo talento cristallino si sta presto aggiungendo anche un’esperienza internazionale non indifferente, coltivata poi in un periodo negativo non solo per il circuito internazionale di tennis ma anche per lo sport agonistico in generale, per via di tutte le restrizioni legate alla pandemia. In questo contesto Jannik si sta però preparando per concorrere con chiunque, perché se la classifica mondiale non fosse congelata per via del Covid-19, l’altoatesino sarebbe oggi numero 9 del mondo, mentre la classifica virtuale lo vede ora al 21esimo posto. In epoca di lockdown ha conquistato 30 vittorie e rimediato solo 11 sconfitte, mentre le posizioni in classifica guadagnate sono 53 e i punti Atp 1860. Ora ad attenderlo, in caso di vittoria, ci sono anche 5,5 milioni di euro come monte premi del Master 1000 della Florida. Cresciuto con il mito di Roger Federer, ha iniziato ad ammirare e stimare Rafael Nadal dopo essersi allenato con il maiorchino, mentre i tifosi lo ricordano per come da outsider abbia vinto le Next Gen Finals, dal momento che aveva potuto accedervi solo grazie a quella che di fatto era una wild card.

L’avversario

Ma chi sarà lo sfidante della nuova star del tennis italiano? Fresco della vittoria sul russo Rublev per 6-3 6-4, avendo così eliminato due Top10 e due Top20, Hubert Hurkacz è il polacco terribile di Wroclaw che con la sua altezza di 1.96 riesce a dominare il campo variando continuamente il gioco. Nato nel 1997, il polacco non è solo un rivale per Sinner, ma anche un amico, per via dei tanti allenamenti condivisi insieme e di un sano rapporto di amicizia, anche per tennisti che dovranno confrontarsi spesso sui campi dei tornei più importanti al mondo. «Ad ogni modo uno solo potrà sollevare il trofeo», questo il punto di vista di Sinner, che comunque non dimentica la dura legge del tennis, nel quale non si può pareggiare né vincere entrambi a parimerito. Sulla sua crescita personale, l’azzurro è pronto a fare sempre meglio, e nelle conferenze stampa che lo hanno finora coinvolto, la più emblematica delle frasi è stata certamente questa. «I grandi giocatori sono come degli chef, ma al momento io sto solo pelando le patate». La grande umiltà di che caratterizza chi non si monta la testa per i risultati raggiunti, ma anche quella di chi è sempre pronto a coltivare le proprie ambizioni per andare sempre più in alto. Per essere il numero 1 in fondo non c’è altra via, ma la finale di questa sera potrà rappresentare già un bel bivio per un talento che non ha bruciato le tappe della propria crescita, ma che senza dubbio ha finora saputo crescere molto in fretta.

 

Potrebbe interessarti anche -> Torino-Juventus 2-2: derby combattuto fino alla fine

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter