Covid, morti due carabinieri gemelli

Grave lutto nell’Arma: morti per Covid, a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, due carabinieri gemelli

(Getty Images)

Nel 169° anniversario di fondazione della Polizia di Stato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato al Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Lamberto Giannini, oltre a farsi portavoce dei sentimenti di gratitudine e riconoscenza di tutto il Paese agli appartenenti alla Polizia di Stato per la loro opera svolta a presidio delle libertà democratiche e della legalità, ha reso omaggio a quanti “sono deceduti assolvendo il dovere“, anche nel difficile contesto dell’emergenza sanitaria legata all’epidemia di Covid. Tuttavia, non solo la Polizia di Stato ma anche l’Arma dei Carabinieri sta pagando un alto tributo al silenzioso killer virale.

LEGGI ANCHE –> Covid, è morta Rossana Di Bello, ex sindaco di Taranto

Il luogotenente dei carabinieri Michelangelo Sansipersico, in servizio alla sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Bari, è morto, a 56 anni, a causa delle complicanze di una polmonite da coronavirus. Il 27 marzo scorso è morto per Covid il gemello Nicola Sansipersico, anch’egli carabiniere, in servizio a Voghera, in Lombardia.

Covid, morti due carabinieri gemelli. “Ha servito il proprio Paese con impegno, sacrificio e dedizione”

A darne notizia è stata l’Arma dei carabinieri con una nota in cui esprime il cordoglio per la scomparsa del militare. Il luogotenente si era arruolato come carabiniere nell’Arma nel 1981 e l’anno successivo, a seguito della frequentazione del relativo corso presso la Scuola Sottufficiali, era diventato vice brigadiere prestando servizio prima nell’Aliquota Radiomobile di Varese e poi al Raggruppamento Operativo Speciale di Milano fino al 1997, anno in cui è stato trasferito a Bari.

LEGGI ANCHE –> Covid, morto Ettore Matano: utilizzò le maschere da sub per far respirare i malati di Covid

In quasi quarant’anni di servizio – si legge in una nota del Comando Generale dell’Armaha servito silenziosamente il proprio Paese con impegno, sacrificio e dedizione finché oggi il virus non lo ha portato via“.  Come informa il portale baritoday, il luogotenente lascia la moglie e un figlio.