Emilio Fede ricoverato al San Raffaele di Milano: è in condizioni critiche

0
887

Emilio Fede è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano: secondo quanto riportato da “Il Messaggero” le sue condizioni di salute sarebbero critiche.

emilio fede ricoverato in gravi condizioni
Emilio Fede (screenshot video)

Tornano a preoccupare le condizioni di salute di Emilio Fede. Come reso noto dal quotidiano Il Messaggero, l’ex direttore del Tg4 è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano. Fede, che ha 89 anni, lo scorso dicembre era già stato ricoverato dopo essere risultato positivo al Covid, ma dopo un periodo di convalescenza al residence dell’Ospedale del Mare di Napoli, si era poi ripreso dal contagio.

Ti potrebbe interessare anche -> Coronavirus, Emilio Fede ricoverato: paura per il giornalista

Emilio Fede ricoverato in ospedale: le sue condizioni di salute

Secondo quanto si apprende da chi gli sta vicino il fisico dell’ex direttore del Tg4 “è provato” e le sue condizioni sono critiche, ma le cause del ricovero sono al momento sconosciute. Dall’ospedale non sono ancora trapelate notizie dettagliate. Dopo essere guarito dal Covid, Emilio Fede sembrava essersi rimesso in sesto e, come annunciato in un’intervista, aveva deciso di voler “destinare parte del patrimonio a opere di beneficenza per i malati”.

Ti potrebbe interessare anche -> Silvio Berlusconi nuovamente ricoverato in ospedale, domani il processo

Come ricordato da Il Messaggero, la sua idea era quella di dar vita a una fondazione per assistere i bisognosi di cure mediche. “Tutto ciò che dispongo deve andare alle famiglie malate che non hanno la possibilità di sottoporsi alle terapie per guarire”, aveva raccontato l’ex giornalista, spiegando di non voler più voltare la testa dall’altra parte. Emilio Fede nel giugno dell’anno scorso era stato arrestato a Napoli per evasione dai domiciliari, poiché era andato a festeggiare sul lungomare il compleanno della moglie. L’ex direttore del Tg4 era stato condannato a 4 anni e 7 mesi per favoreggiamento della prostituzione nel cosiddetto “caso Ruby”.