Macaulay Culkin è diventato papà e ha chiamato il piccolo Dakota come la sorella defunta

0
603

Macaulay Culkin è diventato papà di un bambino che è stato chiamato Dakota in onore della sorella defunta dell’attore protagonista di “Mamma, ho perso l’aereo”

Macaulay Culkin (Getty Images)

La cicogna ha fatto visita a Macaulay Culkin, l’attore protagonista del cult movie “Mamma, ho perso l’aereo” che gli ha regalato fama mondiale proiettandolo, bambino, nel firmamento delle stelle di Hollywood: l’attore, 40 anni ad agosto, è diventato, infatti, papà per la prima volta.

LEGGI ANCHE –> Tosca D’Aquino cade in una buca: “Ringrazio il comune di Roma per il bel regalo”

La coppia, secondo quanto riportato dalla rivista “Esquire”, è stata allietata dall’arrivo del loro primogenito il 5 aprile scorso ma ha preferito non divulgare la relativa notizia. Il piccolo, figlio di un amore sbocciato nel 2017 sul set di “Changeland”, sarebbe stato chiamato Dakota in memoria di Dakota Culkin, sorella dell’attore deceduta nel 2008, vittima di un incidente stradale.

Il piccolo protagonista di “Mamma, ho perso l’aereo”, Macaulay Culkin, è diventato papà

Macaulay Culkin e la compagna, Brenda Song, nonostante la notizia abbia fatto il giro dei media, non hanno ancora commentato la lieta novella. Tuttavia, una fonte vicina alla coppia ha assicurato che i due sono al settimo cielo. Del resto, il piccolo protagonista di “Mamma, ho perso l’aereo” aveva rivelato, mesi fa, l’impegno nel cercare di allargare la famiglia. “Ci esercitiamo molto. Non c’è niente di più eccitante di quando la tua donna ti dice: “Amore, sto ovulando“, aveva confessato Macaulay Culkin ad “Esquire” esternando con estremo candore il proprio desiderio di paternità.

LEGGI ANCHE –> Amore e affinità, 8 segnali per sapere se si sta con la persona giusta

Il fiocco azzurro dunque, è il degno coronamento del percorso di redenzione di Macaulay Culkin che, dopo anni di eccessi  prima per l’incapacità di gestire l’enorme successo piovutogli addosso da bambino e poi per il “telefono che non squillava più” una volta divenuto adulto, ha finalmente messo la testa a posto mettendo su famiglia e, nel contempo, riprendendo in mano una carriera che sembrava finita su un binario morto.