Liverpool-Real, dove vederla. I Reds cercano la rimonta

0
80

Emergenza difesa per i Blancos, ma Anfield sarà senza tifo

Liverpool-Real, dove vederla

Liverpool-Real, dove vederla


Liverpool-Real, dove vederla
 Il Chelsea, già qualificato aspetta la sua sfidante. Anfield, ancora una volta senza il suo pubblico eccezionale, ospiterà la partita di ritorno tra Liverpool e Real Madrid, dopo il 3-1 che vede i Blancos favoriti per il passaggio del turno (diretta tv dalle 21 su Sky Sport Uno e Sky Sport canale 252). I Reds sono in realtà una squadra molto abituata alle rimonte, basti pensare alla finale di Istanbul nel 2005 contro il Milan o al 4-0 rifilato al Barcellona nel 2019 dopo aver perso al Camp Nou per 3-0. I precedenti non mancano, anche se questa sera mancherà il canto del tradizionale «You’ll never walk alone» che scandisce le partite casalinghe della squadra di Jurgen Klopp. Il tecnico tedesco sa che segnare due reti al Real è un’impresa difficile ma non impossibile, a maggior ragione dopo il crack di Lucas Vazquez che lascia la retroguardia madridista quasi completamente da reinventare. I problemi maggiori riguardano la stessa linea difensiva dei Reds, perché nella partita d’andata sono emersi tutti i problemi dell’improvvisata coppia Phillips-Kabak, anche se in realtà di prestazioni disastrose dietro se ne vedono dall’infortunio di Van Dijk, pilasto e muro olandese della difesa inglese che di fatto garantiva sicurezza a un intero reparto e che ancora non è potuto rientrare per dare il suo contributo alla squadra. Dalla sua parte, Zinedine Zidane è apparso un po’ insofferente alle domande dei giornalisti sulla propria difesa, dato che anche Carvajal, Varane e il capitano Sergio Ramos sono fuori per guai fisici vari. Alla fine  ha risposto con un sorriso, dicendo che le sue scelte tattiche si vedranno sul momento in campo. Il discorso qualificazione è tuttavia ancora aperto, con il secondo incontro più interessante della settimana dopo Psg-Bayern che ha visto i parigini avere la meglio sui bavaresi, ora collocati dall’altra parte del tabellone. Per continuare la propria strada, serviranno 90 minuti di gioco offensivo, ma anche di solidità difensiva, una fattore che conterà moltissimo nel conto dei gol finali. Per i Blancos intanto nessuna scaramanzia, perché la squadra spagnola ha scelto di alloggiare all’hotel Titanic di Liverpool senza badare all’anniversario numero 109 della tragedia, quindi senza prendere in considerazione un’eventuale naufragio né il rischio di affondare.

Così in campo

Per entrambe le squadre le novità sono soprattutto difensive, mentre in attacco ci saranno principalmente conferme, come quella di Benzema, che ha trascinato i Blancos anche nella vittoria di campionato sul Barcellona, portando la squadra a un punto dalla vetta della Liga. Vinicius e Asensio a supportare il francese, mentre a Kroos, Casemiro e Modric le chiavi del centrocampo in buonissime mani. Davanti a Courtois l’opzione più percorribile appare così la linea a quattro formata da Marcelo, Nacho, Militao e Mendy, con il francese che cambia fronte e il brasiliano, tutt’altro che impeccabile quest’anno, che tornerebbe così titolare. Per Alisson probabile che invece Klopp decida di arretrare ancora una volta Fabinho, soluzione di rimedio che si è finora rivelata la più affidabile, anche se dagli esiti sempre incerti. Robertson e Alexander-Arnold come terzini, mentre il centrocampo a tre sarà formato da Wijnaldum, Thiago e Milner. In attacco come centravanti Diogo Jota, affiancato dai soliti Mané e Salah. Gli inglesi dovranno premere così sull’acceleratore, ma premunendosi di evitare con prudenza le accelerazioni di Mendy, Marcelo e Vinicius. Il pallone tra i piedi di Kroos e Modric è di fatto già un mezzo assist che può costare molto caro alla retroguardia di Klopp. Per il tridente de Liverpool servirà la serata perfetta, ritrovando anche quella stabilità difensiva ormai da troppo tempo smarrita, praticamente dall’inizio della stagione in corso.

Potrebbe interessarti anche -> Psg-Bayern 0-1: il gol di Choupo-Moting non basta ai bavaresi

Segui la Champions League su Twitter