Benevento, muore travolto da un Tir: era nascosto sotto l’automezzo

0
117

Dramma all’interno un piazzale di un’area di servizio lungo la statale “Telesina”. Un immigrato muore travolto da un Tir: forse era nascosto sotto l’autoarticolato

(Getty Images)

Non c’è solo la rotta migratoria del Mediterraneo: infatti, altri disperati per tentare di entrare in Europa s’incamminano lungo la rotta balcanica, via terra quindi, con modalità di viaggio non meno pericolose di quelle di coloro che si avventurano nel Mediterraneo a bordo di autentiche zattere del mare. Un uomo, un giovane immigrato, è morto dopo essere stato travolto da un Tir all’interno del piazzale di un’area di servizio lungo la statale 372 “Telesina”, a Benevento, nei pressi dello svincolo per Campobasso.

LEGGI ANCHE –> Covid, von der Leyen: “Prepararsi a nuovi vaccini contro le varianti”

La vittima sarebbe un cittadino straniero, privo di documenti, che, secondo una prima ipotesi, stava viaggiando nascosto sotto il camion. Inutili, purtroppo, i soccorsi degli operatori sanitari.

Benevento, muore travolto da un Tir: potrebbe essere finito tra gli assali dell’autoarticolato

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Benevento le cui indagini dovranno ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Il mezzo pesante, proveniente dalla Grecia, era diretto in Liguria dove doveva scaricare sacchi di terriccio. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo potrebbe essere finito tra gli assali dell’autoarticolato durante la manovra di parcheggio in retromarcia, con l’autista, straniero, che, dopo aver notato il corpo tra le ruote del rimorchio, ha dato l’allarme.

LEGGI ANCHE –> Meteo, temperature otto gradi sotto la media. Allerta gialla in una regione

Resta da accertare, quindi, se l’uomo si trovasse già sotto il pianale del rimorchio o se stesse cercando di salirvi in quel momento. Al vaglio dei militari dell’Arma, quindi, sia l’itinerario del mezzo pesante, che verrà ricostruito sia grazie alle matte satellitari che al cronotachigrafo digitale, che eventuali filmati delle telecamere installate nell’area di servizio. Inoltre, sarà necessario ricorrere all’esame del Dna per risalire all’identità della vittima di tale tragico incidente.