Ue: Certificato vaccinale europeo sarà operativo da luglio

0
96

Le vaccinazioni proseguono, seppur a rilento e con qualche difficolta, e le ultime settimane hanno fatto registrare numeri nei contagi allarmanti, anche in Europa. In Italia però oggi si è parlato di riaperture, con non poche critiche e con qualche dubbio: e in proiezione il certificato vaccinale europeo sembra prendere forma.

(Covid, Thierry Breton, commissario al Mercato interno del Parlamento europeo: “Il sistema operativo del green pass pronto da giugno”, Screenshot video Ansa, Multimedia.europal.europa.eu)

Ad attendere notizie in merito al cosiddetto “passaporto vaccinale” è soprattutto il comparto del turismo, costretto da tempo a fare i conti con un stop prolungato a causa della pandemia da Covid-19. In tal senso il commissario al Mercato interno, Thierry Breton, ha detto all’Europarlamento che “Da parte nostra saremo pronti già a giugno ma gli Stati avranno un mese di tempo per adeguarsi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Conte difende il ministro della Salute: “Draghi chiaro su Speranza”

Sembra che il certificato vaccinale sarà operativo all’interno dell’Unione europea a partire da luglio. A confermarlo nel corso di una audizione all’Europarlamento è stato il commissario al Mercato interno del Parlamento europeo Thierry Breton, che ha dichiarato: “Da parte nostra saremo pronti a inizio giungo ma lasciamo il mese correre affinché gli Stati membri attuino gli aspetti tecnici e a luglio tutto dovrebbe essere operativo”, quindi in realtà toccherà agli Stati europei a partire dal mese di luglio essere in grado di operare in tale direzione. “Poi gli Stati membri potranno iniziare a editarlo e implementarlo. Dobbiamo agire in tempo per salvare la stagione turistica” – ha ribadito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Wwf: Ue secondo importatore globale di prodotti da deforestazione

A poi aggiunto, come riporta l’Agi, “So che ci sono discussioni riguardo a questo lungo periodo di transizione, ma dobbiamo agire al più presto”“La Commissione europea sta lavorando sul gateway” meccanismo che permetterà ai vari Stati di riconoscere i certificati vaccinali.

“Dal primo giugno in poi saremo pronti e gli Stati membri potranno procedere all’edizione del certificato verde” ha dichiarato Breton, che poi sulla privacy ha detto che “I dati saranno di proprietà dell’utente e questo è un punto molto importante”.