Partito da Roma il primo treno Covid free

0
53

Primo segnale di un lento ritorno alla normalità pre-epidemia: è partito da Roma, con destinazione Milano, il primo treno Covid free

(Getty Images)

Continua il braccio di ferro tra il governo e i Presidenti delle Regioni sul tema delle riaperture. “Come Conferenza delle Regioni consapevolmente e volutamente non abbiamo messo date nelle linee guida per le riaperture, non cerchiamo lo scontro. La nostra proposta è costruttiva, poi il Governo farà le dovute scelte“. Così il  neopresidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. “Ma nella lettera di accompagnamento – ha precisato – abbiamo chiesto di favorire in via sperimentale le attività che si possono svolgere all’aperto, ciò potrebbe permettere un anticipo di date e la prudenza necessaria in questo momento“. Altro dossier scottante è l’ipotesi di rendere le isole Covid free, fortemente caldeggiata da alcuni Governatori, in primis quello campano Vincenzo De Luca, ma che finora non ha incontrato il gradimento del governo.

LEGGI ANCHE –> Bologna, 19enne uccide con il veleno il patrigno, gravissima la madre

Intanto, in attesa che si schiarisca la situazione sul fronte delle isole Covid free, è partito da Roma, diretto a Milano, il primo Frecciarossa “Covid free”, attivato da Trenitalia, con a bordo solo passeggeri negativi al Covid-19, certificati da tampone antigenico o molecolare eseguito non oltre 48 ore prima.

Partito da Roma, e diretto a Milano, il primo treno Covid free. Possibili altre destinazioni

Inoltre, è possibile eseguire il test gratuitamente in stazione: in caso di esito positivo il biglietto è rimborsato al 100%. I convogli viaggeranno, come da normativa anti-contagio da Covid, con una capienza ridotta al 50% e, sebbene l’unica tratta coperta sia quella Roma-Milano, tale iniziativa potrebbe essere estesa anche ad altre destinazioni.

LEGGI ANCHE –> Covid: superati i 100 mila morti in Francia. Macron: “Non dimenticheremo nessun nome”

Dunque, un primo incoraggiante segnale che progressivamente stiamo rientrando nei binari (è proprio il caso di dirlo) della normalità. Del resto, secondo le indiscrezioni relative al monitoraggio settimanale Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute che verrà diffuso in giornata, continua a calare il valore dell’indice Rt nazionale, l’indice di trasmissibilità del contagio, dall’0.85 contro allo 0. 92 della settimana precedente. Nondimeno le terapie intensive e i reparti ospedalieri sono ancora sotto pressione: il tasso di occupazione a livello nazionale è sopra la soglia critica sia in terapia intensiva (39% rispetto al 30%) che in area medica (41% contro il 40%) anche se per la prima settimana mostrano segnali di una lieve diminuzione.