Donatella Rettore, chi è la splendida splendente: carriera e successi

0
144

Donatella Rettore da sempre è stata avanti con i tempi, soprattutto perché nasce con l’arte nel sangue, tramite la sua ironia e spregiudicatezza è riuscita a conquistare l’Europa.

Donatella Rettore, chi è la cantante che ha fatto sognare tutta l'Europa (Getty Images)
Donatella Rettore, chi è la cantante che ha fatto sognare tutta l’Europa (Getty Images)

Una delle artiste più importanti nel panorama musicale italiano, è stata sempre capace di spaziare tra diversi temi e musicalità, quello che non tutti sanno è che nella sua carriera ha precorso i tempi.

La carriera dell’artista è stata un’escalation molto rapita, la quale ha portato la cantante ad avere successo sia con il pubblico italiano e sia con il pubblico internazionale.

L’abilità di mixare testi e musica con ironia e spregiudicatezza, l’ha proposta sempre come artista all’avanguardia con i tempi, soprattutto per via di tempi delicati e ritenuti un taboo al tempo.

Le sue esibizioni sul palcoscenico erano dei veri e propri show, non viene definita solo una musicista, ma lei è proprio un’artista a 360° la quale è riuscita ad avere delle comparse sia nel mondo del cinema che nel mondo del piccolo schermo.

Nell’album pubblicato nel 1977, l’artista cominciava la sua lotta al patriarcato, dove definiva a grandi linee il ruolo del “patriarca” come modello tradizionale nella famiglia.

Nello stesso album, con la canzone “Caro preside”, la cantante parlava di temi delicati come la pedofilia e le molestie sessuali.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sanremo 2021: svelati i duetti e le cover della terza puntata

Donatella Rettore, ecco come è nata la donna con l’arte nel sangue

Nasce a Castelfranco Venero l’8 Luglio del 1955, è figlia dell’attrice Teresita Pisani, la famiglia è di nobili origini, suo padre è un commerciante Sergio Rettore.

A 3 anni dimostra di essere una donna adatta al palcoscenico, un giorno mentre si trovava a Venezia in piazza San Marco, davanti al Caffè Florian, ha cominciato a cantare attirando l’attenzione dei passanti.

All’età di 10 anni suona con il suo piccolo gruppo arrangiato, i quali si chiameranno “I cobra”, esibendosi nelle parrocchie e cantando le canzoni della sua artista preferita Caterina Caselli.

Sua madre Teresita, da sempre è stata fonte di ispirazione per il suo modo d’essere e di vestire, purtroppo la madre non apprezzerà il suo modo di fare e la iscriverà in collegio ad Asolo.

Dopo il diploma e con il massimo dei voti, la cantante si trasferirà a Roma dove dedicherà la sua vita esclusivamente alla musica. Sin da giovanissima farà tanta gavetta, frequenta diversi musicisti importanti.

Andrà in tournèe con la NCCP e Lucio Dalla nel 1973, in quegli anni incide la sua prima canzone “Anche se non lo sai”. Mentre nel 1974 pubblicherà i suoi primi 45 giri, subito li invierà ai comunicati stampa per autopromuoversi.

Gianni Rivera la noterà e le darà la possibilità di debuttare al Festival di Sanremo, tramite la canzone “Capelli Sciolti”. La cantante si farà notare andando in tv e presentando la canzone “Maria Sole”.

Qualche anno dopo darà vita al suo primo LP “Ogni giorno si cantano canzoni d’amore” tra cui ci saranno delle collaborazioni con Gino Paoli.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Donatella Milani, la morte della madre: “Mai avuto un padre”

Si fa conoscere in Germania, mentre canta Lailolà cade rialzandosi con disinvoltura

La stampa tedesca dopo la sua caduta è conquistata dalla sua performance, e nel 1976 l’artista venderà circa 300.000 copie del suo album solo durante la prima settimana di debutto.

Venderà circa 5 milioni di copie tra i 45 e i 33 giri, durante la sua carriera incontrerà Lucio Battisti con il quale sarà invitata nella Tv tedesca per rappresentare l’Italia.

Partecipa nuovamente al Festival di Sanremo nel 1977 cantando “Carmela” per poi gettare letteralmente delle caramelle al pubblico. L’anno dopo sarà l’anno del cambio look, dove diventerà magra e biondissima.

Non si farà più chiamare per nome e conogme, ma bensì solo “Rettore”, la musica si evolverà in un rock & roll, firmando un contratto con la casa discografica “Ariston”.

Dopo aver partecipato a diversi programmi televisivi, come ad esmepio “Chewing Gum” di Claudio Cecchetto, diventerà un personaggio molto noto sia in Italia che in Europa.

Il 1979 è l’anno di “Splendido Splendente” e l’album “Brivido Divino”, sia la canzone che il disco verranno pubblicati in tutta Europa, il successo sarà strepitoso, questo la porterà a vincere il premio rivelazione “Vota la voce”.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Violenza sulle donne, Donatella Rettore denuncia cosa le è accaduto

Con l’album di successo Magnifico Delirio, colpisce l’opinione pubblica per la sua sfrontatezza

Infatti nel 1981 crea il pezzo “Donatella”, un brano che ricorda a tutti i suoi fan che da quel momento in poi avrebbero dovuto chiamarla Miss Rettore.

Parteciperà al Festivalbar e vincerà, l’anno precedente con il suo pezzo Kobra sarà a pari merito con il brano Olympic Games di Miguel Bosè. Durante questi anni la sua creatività è alle stesse, infatti pubblicherà un nuovo album: “Kamikaze Rock ‘n’ Roll Suicide”, questo sarà ispirato alla cultura giapponese parlando del suicidio per onore.

La canzone che rende famoso questo album sarà “Lamette” un pezzo cult che farà parlare di sé proprio come Kobra, Splendido Splendente e Donatella. L’ultimo pezzo sarà scelto dal duo di X Factor che partecipò al talent show nel 2012 proposte da Simona Ventura.

Sarà la stessa cantante ad appoggiare il progetto sostenendo il duo, aiutandole a registrare sia il singolo che il video.

Nel 1982 parteciperà in una pellicola sul grande schermo, “Cicciabomba”, non avrà molto successo.

Durante gli anni 99 e 2000 la cantante non sarà nel suo periodo d’oro, ma avrà i fan dalla sua parte che la seguiranno con passione e determinazione. I suoi ultimi lavori non hanno avuto il successo come gli anni d’oro, ma hanno sempre riscosso grande successo soprattutto ai suoi concerti.

Nel 1994 parteciperà per l’ultima volta al Festival di Sanremo con la canzone “ Di notte specialmente”, la quale si classificherà in decima posizione.

Nel 2021 tenterà nuovamente la sorte con il Festival di Sanremo, ma sarà ospite nella serata dei duetti, affiancando “La Rappresentante di Lista” nel brano “Splendido Splendente” facendo ammirare le sue bellissime gambe.

Nel 2004, parteciperà al reality show su Italia 1 “La Fattoria”, mentre nello stesso anno parteciperà al Grande Fratello intonando la canzone “Kobra” battendo in ascolti il Festival di Sanremo.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:  Donatella Rettore e la malattia: “Così ho battuto il cancro”

Nel 2017 parteciperà allo show televisivo Tale e Quale Show su Rai1, dove si esibisce imitando alcune colleghe, la prima sarà Caterina Caselli, la seconda è Patty Pravo, la terza è Gabriella Ferri.

Per via di alcuni problemi di salute, dalla quarta puntata in poi è stata costretta ad esser sostituita dal comico Dario Bandiera. Dopo aver abbandonato il programma, ha dichiarato su Twitter di avere una grave infezione virale ai reni e alle vie respiratorie superiori.

Subito dopo la cantante è stata colpita da una neoplasia maligna, ha dovuto subire due interventi, proprio per questo motivo è attenta a tavola, è diventata vegetariana e preferisce mangiare cibi crudi o cotti al vapore.

Nonostante questo la cantante è riuscita a tornare in tv come coach e giudice di “Ora o mai più” su Rai1 nel 2019, affiancherà Donatella Milani, con la quale avrà diversi screzi.

La cantante ha avuto diverse rivalità durante la sua carriera, alcune di queste sono state con Loredana Bertè, un tempo amiche, la quale ha querelato l’ex amica per le critiche subite ingiustamente.