AstraZeneca, cosa c’è dietro lo stop alle vaccinazioni dei militari?

0
159

Ennesimo dietrofront nella campagna vaccinale: stop alle vaccinazioni dei militari. Il sindacato di categoria “Siamo”: “Chiediamo solo chiarezza”

(Getty Images)

La somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca ai militari è stata sospesa in attesa che vengano immunizzati gli over 60 della popolazione. I medici e gli infermieri delle forze armate non sono invece ricompresi nello stop: riceveranno dosi di Pfizer o Moderna, così come reso noto dal Comandante dei Supporti logistici dell’Esercito, il generale Roberto Nardone, che ha precisato che vaccinerà le circa 2.800 unità in base al decreto legge 44 del 1° aprile. Il predetto Decreto riguarda anche “gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacia, parafarmacia e negli studi professionali”.

LEGGI ANCHE –> Covid, Pfizer: altre 100 milioni di dosi all’Unione europea

Nondimeno, secondo quanto riportato dal portale liberoquotidiano.it, il Generale Nardone, nella nota datata 14 aprile, ha puntualizzato che alla vaccinazione sarebbero stati sottoposti anche coloro che “operano all’interno delle strutture in attività di supporto”: quindi, i Reggimenti Sanità impegnati nelle missioni Minerva (vaccinazione dei militari), Eos (trasporto vaccini) e Igea (tamponi) e negli ospedali da campo di Aosta, Cosenza e Perugia. Soggetto all’obbligo anche chi è di guardia negli ospedali da campo o negli hub vaccinali. “In caso di mancato assenso alla vaccinazione, il personale dovrà essere segnalato e impiegato, ove possibile, in altre attività o mansioni”, si legge sempre nella nota di Nardone.

AstraZeneca, cosa c’è dietro lo stop alle vaccinazioni dei militari? “Chiediamo solo chiarezza”

Intanto, il “Siamo”, Sindacato Italiano Autonomo Militare Organizzato, ha fatto sapere che “il Dicastero della Difesa pare non abbia emanato nessuna Circolare al riguardo”. Il caporalmaggiore scelto Davide Del Curatolo, responsabile del sindacato, ha inviato una missiva al Ministro della Difesa Lorenzo Guerini e ai Capi di Stato maggiore della Difesa e dell’Esercito mentre un altro responsabile del “Siamo” si chiede: “Un militare dell’Esercito è tenuto a vaccinarsi e uno della Marina che fa lo stesso lavoro no?”. Ragione per cui l’associazione sindacale ha ribadito che “non siamo contro le vaccinazioni, chiediamo solo chiarezza“.

LEGGI ANCHE –> Chernobyl: il disastro nucleare 35 anni fa: oggi le prime puntate della serie su La7